Categorie: NewsRainbow

Il primo Pride musulmano? Potrebbe tenersi a Londra l’anno prossimo

A Londra gli attivisti della comunità Lgbt+ musulmana e i loro alleati hanno iniziato a raccogliere fondi per poter organizzare il primo Pride musulmano. Almeno in Inghilterra.

IMAAN

È l’associazione senza scopo di lucro Imaan a organizzare l’evento proprio per i vent’anni dalla sua esistenza. L’evento è stato pensato per aiutare «migliaia di persone a riconciliare la propria sessualità o la propria identità di genere con la loro fede islamica»

UN INCREMENTO DEI SENTIMENTI ANTI-ISLAM»

Il Regno Unito, come altri paesi europei, sta vivendo un momento in cui l’omofobia all’interno della comunità islamica sta crescendo, e lo sta facendo insieme alle proteste contro l’istruzione inclusiva delle istanze Lgbt+ nelle scuole.

IL COMUNICATO DI IMAAN

«Il clima politico attuale, insieme alla Brexit, alla crisi dei migranti, a Boris Johnson e a Donald Trump ha rinvigorito gli islamofobi. Spesso i musulmani Lgbt+ sono presi nel mezzo tra omofobia e islamofobia quindi voglio dare uno spazio sicuro e inclusivo dove le persone non debbano scegliere tra la loro identità musulmana e quella Lgbt+. Senza che nessuno metta loro pressione.

CORANO E OMOSESSUALITÀ

Molte persone pensano che le fede musulmana sia incompatibile, quando non addirittura ostile, ai diritti Lgbt+. La cultura islamica ha una storia di accettazione delle persone omosessuali o bisessuali e il Corano non dice niente contro la comunità. I musulmani sono più tolleranti verso il matrimonio di molti alti cristiani, soprattutto di certi americani. I sentimenti anti Lgbt+ si sono diffusi in Medi Oriente nel diciannovesimo secolo, sotto la dominazione Brittanica e dopo la crescita dei clericali degli anni Ottanta e dei teocrati anti Lgbt+ che hanno comandato la regione dagli anni Settanta a oggi.

LA RACCOLTA FONDI

La comunità Lgbt+ musulmana e i suoi alleati hanno iniziato una raccolta fondi. Fissato come obiettivo minimo quello di cinquemila sterline, la cifra è già arrivata a diecimila. L’evento, oltre che alla tradizionale parata, prevederò panels, discussioni, diversi speaker, arte, cultura e storia. Si terrà nel 2020.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020

Coronavirus, la campagna per il sostegno alle persone Lgbt+ durante l’isolamento

La Rainbow Line in aiuto delle persone Lgbt+ chiuse in casa a causa del coronavirus.

26 marzo 2020

Effetto coronavirus: annullato l’Umbria Pride (e non sarà il solo)

Per la prima volta, sarebbe stato "Umbria Pride" e non più "Perugia Pride". Ma ieri…

26 marzo 2020

Quarantena e informazioni: 3 buone pratiche per affrontare il coronavirus

Attenzione alle informazioni che troviamo sul web: non tutte sono buone e rischiano di creare…

25 marzo 2020

Gestire la paura: i 10 consigli degli psicologi contro lo stress da coronavirus

Dieci buoni consigli per evitare di farsi prendere dal panico, durante l'emergenza da coronavirus.

24 marzo 2020

La cosa più difficile per un genitore? Spiegare ai nostri figli cosa sta succedendo là fuori

Cosa significa vivere in una famiglia arcobaleno, al tempo del coronavirus.

20 marzo 2020