Galeazzo Bignami interroga il ministro: «Avviare controlli dove si insegna il gender»

Galeazzo Bignami, parlamentare di Forza Italia dell’Emilia-Romagna, ha lanciato una interrogazione al ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti. Il tema? L’insegnamento del fantomatico “gender” nelle scuole.

LA RICHIESTA DI BIGNAMI

Soggetti della richiesta di Galeazzo Bignami sono Arcigay Ravenna e Arcigay il Cassero di Bologna colpevoli, secondo il consigliere, di andare a parlare di sessualità, orientamento sessuale, identità e ruoli di genere e di aver inserito tali iniziative nel piano formativo. Per questo, per Bignami, occorre che il ministro «Faccia controlli più severi sui contenuti dei piani dell’offerta formativa delle scuole presenti sul territorio nazionale»

IL COMUNE DI RAVENNA

A destare la preoccupazione di Galeazzo Bignami è soprattutto il piano di offerta formativa del comune di Ravenna dove c’è una sezione dedicata ai diritti e alla cittadinanza attiva dove vengono proposte iniziative e incontri proposti e gestiti dal Cassero e da Arcigay Ravenna. Con la sua interrogazione Bignami chiede al ministro Fioramonti se è a conoscenza di progetti analoghi anche in altre realtà italiane e se non sia necessario avviare controlli sui piani di offerta formativa.

SCUOLE E IDEOLOGIE

La preoccupazione dell’onorevole forzista Bignami ricade soprattutto su «scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, per verificare che non vi siano proposte o progetti riguardanti temi che dovrebbero esulare dai compiti educativi della scuola, quale quello della sessualità, soprattutto nell’ottica di impedire una strumentalizzazione dell’argomento ad appannaggio di associazioni chiaramente ideologizzate e di parte quale Arcigay o altre associazioni aventi finalità analoghe».

«ARCIGAY HA UN FORTE CONNOTATO IDEOLOGICO»

Per Bignami, che non è nuovo a invettive del genere, Arcigay sarebbe «Un’associazione con un connotato ideologico ben preciso che attraverso vari circoli presenti sul territorio nazionale svolge ciò che dichiara essere il proprio impegno politico nell’ambito delle rivendicazioni dei diritti di persone gay, trans, lesbiche, intersex. E l’affermazione con la quale Arcigay definisce “giuste” e pertanto non opinabili le informazioni sull’orientamento o sull’identità sessuale proposte lascia francamente sconcertati, destando non poche preoccupazioni»

«L’EDUCAZIONE SESSUALE SPETTA ALLE FAMIGLIE

«Il tema della sessualità, prosegue nel ragionamento Bignami, è estremamente delicato e l’educazione ad essa è un compito che dovrebbe essere primariamente affidato alle famiglie, con eventuale supporto di professionisti esperti e competenti in materia, ma non certo ad organizzazioni cosi’ ideologicamente orientate».

 

Fonte Dire

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020

Stonewall 50… in Poi: torna il festival Lgbt+ a Palazzolo Acreide

Torna il festival arcobaleno degli Iblei, l'11 agosto a Palazzolo Acreide in provincia di Siracusa.

31 luglio 2020

Guardami, nasce la campagna social per raccontare la comunità T

Dai moti di Stonewall a oggi ci hanno sempre mess* da parte, hanno sempre scelto…

31 luglio 2020

Quel dolore impigliato tra le pieghe del cuore: lettera a una madre

«Tante cose che prima non capivo, le ho capite soltanto diventando genitore anch'io».

31 luglio 2020