Categorie: News

Brunei, il sultano revoca la pena di morte per gli omosessuali

Il sultano del Brunei, Hassanal Bolkiah, ha annunciato la revoca della pena di morte per lapidazione per omosessuali e adulteri dopo le critiche internazionali e la richiesta di cancellare l’intera legge che segue la sharia.

“Incomprensioni”

La moratoria applicata già alla pena di morte per il codice penale sarà estesa alla nuova legge, ha detto il sultano. Il contestato codice che si rifà alla legge islamica più conservatrice prevede anche condanne per i ladri come l’amputazione delle mani e dei piedi, ed è entrata in vigore il mese scorso. Il sultano ha commentato le critiche, parlando di “incomprensioni”, perché sia “la legge ordinaria che la sharia hanno l’obiettivo di garantire la pace e l’armonia nel Paese“.

Attivisti: “Non è abbastanza”

Secondo gli attivisti per i diritti umani, però, l’annuncio non è abbastanza. Per gli omosessuali restano in vigore in Brunei pene molto severe. Per il sesso tra due uomini è prevista la pena corporale o una lunga detenzione. Per il sesso tra donne 40 frustate o 10 anni di prigione. Il sultano nel suo discorso ha dichiarato che il Paese adotterà la convenzione Onu contro la tortura

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020

Stonewall 50… in Poi: torna il festival Lgbt+ a Palazzolo Acreide

Torna il festival arcobaleno degli Iblei, l'11 agosto a Palazzolo Acreide in provincia di Siracusa.

31 luglio 2020

Guardami, nasce la campagna social per raccontare la comunità T

Dai moti di Stonewall a oggi ci hanno sempre mess* da parte, hanno sempre scelto…

31 luglio 2020

Quel dolore impigliato tra le pieghe del cuore: lettera a una madre

«Tante cose che prima non capivo, le ho capite soltanto diventando genitore anch'io».

31 luglio 2020