Categorie: News

“Sei gay?”, “Sì” e parte il pugno – VIDEO

Aggredito per strada a causa della sua omosessualità. È accaduto lunedì intorno all’1:45 a Salt Lake City, fuori da un bar in Main Street.
Il 29enne Sal Trejo –ha riferito alla tv locale KUTV– si trovava in compagnia di un gruppo di amici quando un giovane si è avvicinato incominciando a rivolger loro insulti misogeni ed omofobici. Temendo fosse pericoloso, Trejo ha estratto il cellulare per documentare la scena.

Il video

Il video, poi pubblicato su Twitter, mostra come le preoccupazioni dei ragazzi non fossero infondate.
“Sei gay, quindi?” ha domandato lo sconosciuto. “Lo sono” ha risposto il 29enne. “Allora sei gay”, ha ribattuto. Neanche il tempo di rispondere che l’aggressore lo ha colpito di fronte ai suoi amici, increduli.
Secondo il racconto della vittima, l’aggressore avrebbe poi estratto un coltello minacciando uno dei suoi amici prima di fuggire su una BMW nera.

Dopo una breve caccia all’uomo, la Polizia ha annunciato di essere in contatto con il sospettato e che questo sta collaborando pienamente con le indagini.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020