Categorie: News

Usa, l’attore di “Empire” incriminato: «Ha inscenato un attacco omofobo»

L’attore Jussie Smollett, uno dei protagonista della serie tv “Empire”, è stato ufficialmente incriminato per aver messo in scena un’aggressione e per averla denunciata alla polizia di Chicago. A dare la notizia il portavoce della polizia di Chicago Anthony Guglielmi. Smollett, 36 anni, afroamericano e dichiaratamente gay, aveva detto di essere stato assalito lo scorso 29 gennaio da due uomini a volto coperto.

La ricostruzione del finto attacco omofobo

Secondo il suo racconto, gli aggressori – i fratelli Olabinjo e Abimbola Osundairo – gli avevano urlato insulti omofobi e razzisti. Utilizzando anche lo slogan del presidente americano Donald Trump “Make America great again”, avevano tentato di strangolarlo con una corda e gli avevano gettato addosso una sostanza chimica non identificata. Dopo la denuncia pubblica, l’attore aveva ricevuto sostegno e solidarietà da tutta la nazione. Secondo quanto emerge dalle indagini, invece, l’attore avrebbe pagato i due per fingere l’attacco. Smollett comparirà davanti ad un gran giurì.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020