Lega vs le famiglie arcobaleno: le reazioni del mondo LGBT+

Prima il ministro Fontana, poi il senatore Pillon alla Camera con il ministro dell’Interno Salvini: è stata una giornata di dichiarazioni violente contro le famiglie omogenitoriali. Ecco alcune reazioni da parte della comunità LGBT+.

Arcigay: “Fatto ignobile e immorale. Il M5S non ha nulla da dire?”

La misura è colma: Salvini e Fontana la smettano di fare propaganda sulla pelle dei bambini” sbotta Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay- “Il continuo tuonare dei due rappresentanti del governo contro la stabilità familiare e affettiva di bambini e bambine è un fatto ignobile e immorale”. Piazzoni si rivolge, infine, al M5S: “Possibile che l’alleato di governo di questi personaggi, cioè il Movimento 5 stelle, a cui appartiene anche la sindaca Chiara Appendino, la prima ad aver iscritto all’anagrafe il figlio di una famiglia omogenitoriale, non abbia nulla da dire?

Famiglie Arcobaleno: “Esterrefatti. La società è più avanti della politica”

“Siamo esterrefatti che un ministro della Famiglia faccia dichiarazioni che prendono spunto da posizioni personali -afferma Marilena Grassadonia, presidente di Famiglie Arcobaleno- La fecondazione eterologa, oggi non prevista nella legge 40 per le coppie omosessuali, prevede però che lo status dei figli debba essere riconosciuto e tutelato, qualunque sia il sesso dei genitori. E questo è stato confermato dai Tribunali di Pistoia e di Bologna che hanno ordinato agli ufficiali di Stato civile di iscrivere entrambi i genitori dello stesso sesso nei certificato di nascita dei bambini”. “Se la società va più avanti della politica – evidenzia Grassadonia – allora vuol dire che la politica ha un problema“.

Monica Cirinnà: “Il Ministro Salvini sa benissimo che il Governo non può intervenire”

Dal mondo politico, prende parola Monica Cirinnà: “Il Ministro Salvini sa benissimo – e lo ha ammesso lui stesso in Aula – che il Governo non può intervenire, tramite i Prefetti, sugli atti dello stato civile”.
Nonostante quello che dicono in modo propagandistico i ministri Salvini e Fontana –conclude la senatrice PD– in Italia non è cambiato nulla: i tribunali continueranno, come è giusto che sia, a riconoscere la genitorialità a coppie dello stesso sesso poichè questo è nel primario interesse dei minori”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020