Categorie: News

#Licenziatepureme: tutti con il vigile del fuoco che era al Roma Pride

Costantino Saporito al Roma Pride 2017

Che Costantino Saporito non fosse l’unico vigile del fuoco presente al Roma Pride dello scorso 10 giugno lo si vede dalle foto di quella giornata. Ma il provvedimento disciplinare che rischia di portare al licenziamento è arrivato solo a lui, come ha raccontato lo stesso Saporito a Gaypost.it.
Ora, a sostegno del vigile romano, scendono in campo anche i suoi colleghi iscritti all’Unione Sindacale di Base con le cui bandiere Costantino e gli altri hanno partecipato alla parata romana. Il Coordinamento nazionale dei Vigili del Fuoco USB ha lanciato la  campagna #licenziatepureme per sostenere il proprio compagno di lotta. «Molti Vigili del Fuoco si sono già schierati» al suo fianco, si legge nel comunicato con cui si annuncia l’iniziativa «e altri lo stanno facendo, strappando qualche secondo al durissimo superlavoro cui li sta costringendo l’emergenza incendi».

Non ci sono diritti senza libertà di manifestare

La campagna si svolge anche grazie all’aiuto dei social,  attraverso Twitter, Instagram e anche su Facebook, dov’è stata aperta la pagina A sostegno di Costantino Saporito. «Gli hashtag #licenziatepureme e #iostoconcostantino – recita ancora il comunicato – sono pronti a raccogliere le adesioni e la solidarietà di quanti vogliono dire no all’inaudito attacco portato dai dirigenti del corpo nazionale dei Vigili del Fuoco alla libertà di espressione e a quella di manifestare, sancite dalla Costituzione». Una mobilitazione, ricorda ancora l’Usb, che lega diritti sociali e diritti civili: «Non si possono avere diritti sui luoghi di lavoro senza la libertà di manifestare».

Condividi

Articoli recenti

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020