Categorie: News

Venezia cambia idea: sulla carta d’identità Anna ha due mamme

Anna e le sue mamme ce l’hanno fatta. Alla fine il Comune di Venezia ha rilasciato alla bimba di sei anni la cata di identità con scritto “genitori” e non “madre” e “padre” come previsto dal decreto Salvini.
La vicenda risale a qualche giorno fa quando le due donne, riconosciute entrambe madri della piccola dopo una sentenza di stepchild adoption del Tribunale, sono andate all’anagrafe a chiedere per la figlia la carta d’identità.
Ma stando a quanto stabilito dal contestatissimo provvedimento del ministro dell’Interno, la carta d’identità della piccola non poteva riportare i nomi di tutte e due le donne perché deve indicare necessariamente “padre” e “madre”.

La soluzione: carta invece che digitale

Anna, perciò, era rimasta senza documento.
La soluzione, secondo quanto riporta il Corriere del Veneto, è stata rilasciare una carta d’identità cartacea invece di quella elettronica, ormai obbligatoria per tutti.
I legali hanno spiegato che il Comune può comunque optare per questa scelta se si presentano “gravi motivi”.
Nel caso di Anna il grave motivo era proprio l’ipossibilità di rilasciarle il documento riportando il suo reale status di figlia di due mamme.
Come sottolineano le due mamme, il caso-Venezia potrebbe fare da apripista per i tanti bambini che sono nella stessa situazione di Anna e che rischiano di non potere avere una carta d’identità.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020