Categorie: News

Gli uomini etero che fanno sesso con altri uomini sono più di quanto si pensi: lo rivela uno studio

Secondo uno studio recentemente pubblicato, un numero significativo di uomini che si dichiarano eterosessuali, fanno sesso con altri uomini.
Su 24 mila studenti universitari intervistati che avevano avuto incontri con uomini, uno su otto si definisce etero. La cifra raddoppia a due su otto quando si intervistano le donne. La spiegazione di questa differenza sembra essere in un altro studio, pubblicato a marzo, secondo cui è più probabile che una donna raggiunga l’orgasmo facendo sesso con un’altra donna che facendolo con un uomo. Su 2300 donne, il 33% ha dichiarato di avere raggiunto l’apice del piacere più facilmente con altre donne.

Eterosessuali, nonostante tutto

Lo studio di cui si parlava all’inizio è stato realizzato da Arielle Kuperberg, docente associata di sociologia all’Università del North Carolina, a Greensboro, e da Alicia M. Walker, assistente di sociologia all’Università Statale del Missouri.
Pubblicato su “Archives of Sexual Behaviour”, lo studio intitolato “Heterosexual College Students Who Hookup with Same-Sex Partners” spiega che nonostante alcune caratteristiche simili a chi ha relazioni con persone dello stesso sesso, questi studenti di identificano come eterosessuali.

Tre tipi di etero

Le ricercatrici hanno anche scoperto che ci sono tipi differenti di persone etero che fanno sesso con persone dello stesso sesso.
“Tre tipi – spiegano -: circa il 60 per cento degli studenti ha avuto rapporti che possiamo classificare come sperimentazioni sessuali private”. La maggior parte di loro aveva poca esperienza sessuale e alcuni di questi non hanno apprezzato. Le ricercatrici spiegano che gli altri due tipi includono quelli che si sono goduti l’incontro divisi tra chi lo ha fatto sotto l’effetto dell’alcol e chi desidera un rapporto futuro con il partner”.

“Bisessualità performativa”

Tra le donne intervistate, alcune hanno definito questi rapporti come “bisessualità performativa”, ma è una percentuale pari al 12 per cento.
Più di una su quattro, poi, (il 28 per cento) hanno “forti convinzioni religiose che potrebbero precludere una identità non-eterosessuale, incluso il 7 per cento che ha mostrato un eterosessismo interiorizzato”.

Condividi

Articoli recenti

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020

Primo matrimonio egualitario in Irlanda del Nord: le nozze di Sharni e Robyn

Il primo sì pronunciato da una coppia lesbica: il Irlanda del Nord la legge è cambiata a ottobre 2019.

11 febbraio 2020