Categorie: News

Umbria: la campagna #TempoDiLegge contro l’omofobia e la transfobia diventa nazionale

La battaglia per la legge contro l’omofobia e la transfobia in Umbria è diventata virale ed ha assunto carattere nazionale. Come Gaypost.it ha raccontato, la legge sarebbe dovuta approdare nell’aula del consiglio regionale per essere votata, dopo dieci anni dalla prima stesura. Un cavillo tecnico sollevato da un consigliere dell’opposizione di destra e avallato dalla maggioranza a guida PD ha impedito che questo avvenisse.

Come nasce la campagna

Martedì scorso, quando il testo sarebbe dovuto essere votato, l’associazione Omphalos di Perugia organizzò una protesta davanti alla sede del consiglio regionale e una sua delegazione venne ricevuta. Durante la seduta, la presidente della Regione Catiuscia Marini garantì che entro questa settimana la legge sarebbe arrivata in aula.
Rassicurazione ritenuta insufficiente da Omphalos che in vista del voto previsto per il 28 marzo prossimo, ha mobilitato l’opinione pubblica lanciando la campagna #Tempodilegge. Gli utenti dei social network sono stati invitati a pubblicare una propria foto con un cartello che riportasse l’hashtag. La campagna ha riscosso notevole successo coinvolgendo non solo chi vive in Umbria, ma utenti e associazioni di tutta Italia.

#TempoDiLegge diventa nazionale

Centinaia sono le foto pervenute all’associazione di persone che si sono espresse in supporto della legge. Il sostegno è arrivato da diversi circoli territoriali di Arcigay, come PinkRiot di Pisa o Coming Aut di Pavia, ma anche da altre associazioni, come il Circolo Mario Mieli di Roma. E la campagna ha travalicato i confini dell’associazionismo raccogliendo l’adesione anche di esponenti della politica, come quella di Pippo Civati, leader di Possibile.
Sulla vicenda, si esprime oggi anche il segretario nazionale di Arcigay, Gabriele Piazzoni, che con una nota definisce “emblematica per tutto il paese” la vicenda umbra.
“Emblematica perché racconta di un testo di legge attraverso il quale un’articolazione dello Stato si fa carico del tema dei crimini d’odio – spiega Piazzoni -, producendo azioni di prevenzione e tutela delle vittime, e che per un decennio, attraversando maggioranze di colore diverso, non ha mai raggiunto il via libera dell’aula“.

L’appello per una legge nazionale

Tante parole, nessun fatto – continua Piazzoni -: in Italia non esistono leggi penali contro l’omotransfobia e le Regioni che hanno approvato leggi sul tema sono ancora in minoranza, mentre una maggioranza, ampia è trasversale, alza le spalle. Noi allora diciamo che “È Tempo di legge”, cioè di determinare a partire dall’Umbria una controtendenza, e di rimettere al centro dell’agenda politica i temi dei diritti delle persone e del contrasto alle discriminazioni”. “È tempo di votare e approvare una legge che da troppi anni si attende – conclude – e affinché succeda chiediamo a tutte e tutti di aderire alla mobilitazione “È tempo di legge” lanciata dal Comitato territoriale Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia. Martedì tutta la nostra attenzione sarà puntata su quell’aula: i partiti sono chiamati a tradurre finalmente le parole in fatti, martedì capiremo se ne sono all’altezza”.

Condividi

Articoli recenti

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

Omo-transfobia, sono cominciate le audizioni in Commissione Giustizia sul pdl che dovrebbe contrastare l'odio contro le persone Lgbt+ (e non…

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020