Categorie: News

Quagliarello vuole vietare le adozioni alle coppie gay

Una proposta di legge per cancellare quella riga delle unioni civili che consente anche alle coppie arcobaleno di crescere un figlio. A depositarla il senatore Gaetano Quagliariello, leader di Idea.

Cambiare la legge Cirinnà sulle Unioni civili

Come sappiamo la legge sulle unioni civili del 2016 non ha esteso alle coppie dello stesso sesso la possibilità di adozione del figlio del coniuge (la cosiddetta stepchild adoption). I giudici hanno sempre autorizzato, dal 2014, l’adozione anche all’interno delle famiglie arcobaleno, grazie a una norma diversa da quella che prevede l’adozione del configlio, che indica come il minore possa essere adottato “quando vi sia la constatata impossibilità di affidamento preadottivo“, ovvero quando non vi siano le condizioni per affidarlo.

La chiave di volta che ha garantito diritti e doveri ai genitori arcobaleno va ricercata nelle poche righe presenti nel maxiemendamento del 2016: “resta fermo quanto previsto e consentito in materia di adozione dalle norme vigenti”. Uno stratagemma lungimirante che pur negando la stepchild alle coppie omosessuali non ha cancellato definitivamente diritti delle famiglie arcobaleno ormai acquisiti.

Un attacco su tutti i fronti

Il senatore Quagliariello adesso vorrebbe eliminare quell’inciso, colpevole, secondo il firmatario, di incoraggiare pratiche illecite e creare «bambini consapevolmente programmati per essere privati di una delle due figure genitoriali e della conoscenza delle proprie origini e della propria identità».
Quagliarello parla di “adozione mite”, “fecondazione eterologa” (ammessa e ampiamente praticata soprattutto dalle coppie etero), “gestazione per altri” (usando le sue parole: “utero in affitto”) e adozioni internazionali. Per tentare di convincere che, a difesa di un non meglio precisato interesse dell’ordinamento, la norma deve essere eliminata. Con il risultato di privare di protezione i bambini figli di coppie dello stesso sesso.

Può farlo?

La proposta in realtà somiglia più a uno slogan. Le sentenze che hanno permesso l’adozione del figlio del partner all’interno di una coppia omosessuale prescindono dalla legge sulle unioni civili. La maggior parte delle adozioni è avvenuta all’interno di coppie semplicemente conviventi. Le prime sentenze sono del 2014, due anni prima della Cirinnà, quando le unioni civili non esistevano. Per cancellare le famiglie arcobaleno, non serve modificare la legge Cirinnà. Bisognerebbe approvare una nuova legge che stabilisca che a due gay o lesbiche conviventi è espressamente vietato ciò che invece è consentito ai conviventi eterosessuali. E, in alcuni casi, anche ai single. Una norma che violerebbe la Costituzione, oltreché una serie di convenzioni internazionali che l’Italia ha firmato.

Condividi

Articoli recenti

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020