Categorie: News

“Le donne che vogliono la Pma? Drogate”: bufera su deputata di En Marche

“Le donne sole che soffrono per non avere un figlio e vorrebbero aver accesso alla procreazione medicalmente assistita (Pma) sono delle drogate”. Le parole di fuoco arrivano deputata di En Marche, Agnès Thill, e scatenano subito una vespaio di polemiche intorno al partito di Emmanuel Macron.

Chi è Agnès Thill

Il presidente Macron, si è espresso contro l’odio anche anti-lgbt

Thill, eletta nel dipartimento dell’Oise, nell’hinterland parigino, è stata pesantemente criticata dalle associazioni di difesa dei diritti Lgbt, che stanno facendo pressione per ottenere la sua esclusione dal partito del presidente Macron. Agnès Thill, 54 anni, cattolica, commentando il via libera alla Pma per tutti da parte del Comitato Etico Nazionale Consultivo (CCNE) ha definito “le donne sole” che soffrono per non avere un figlio e vorrebbero aver accesso alla procreazione medicalmente assistita “drogate”, opponendosi apertamente a concedere loro l’accesso alle cure, pagate dal servizio sanitario nazionale. Il mese scorso, in occasione della pubblicazione del rapporto della missione parlamentare sulla bioetica, la deputata ha invece affermato che “l’assenza di genere per la parola genitore favorisce la nascita di scuole coraniche”.

Colpa della lobby gay

Sempre Thill in Assemblea Nazionale, aveva dichiarato; “ci sono qui dentro troppi interessi sostenuti dalle lobby Lgbt“.  Anche se le parole della Thill mettono in difficoltà la maggioranza, in un contesto di crisi sociale aperta su altri temi, ieri la direzione di En Marche le ha soltanto indirizzato un richiamo, suscitando ulteriore malcontento tra gli attivisti. A criticarla apertamente e con parole dure è stato anche il portavoce del governo, Benjamin Griveaux, che ha deplorato le sue dichiarazioni “insopportabili e sprezzante” contro le donne sole che hanno accesso alla Pma.

“La lotta all’omofobia scomparsa da En marche”

“Il richiamo è soltanto una messa in scena. Vogliamo la sua esclusione” hanno reagito ‘SOS Omofobia’ e l’Associazione delle famiglie monoparentali (Adfh). Gli attivisti denunciano il fatto che “il partito di maggioranza faccia orecchie da mercante di fronte al discorso” del presidente Macron, che solo due giorni fa ha invitato tutti a “lottare contro l’odio, non solo antisemita ma anche anti Lgbt”. Le associazioni si chiedono se la “linea rossa dell’Omofobia sia scomparsa dai valori di En Marche”, facendo notare che le dichiarazioni della deputata “a nome della libertà di espressione, ledono in realtà la dignità e il rispetto delle persone Lgbt”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020