Categorie: News

Omofobia in famiglia a Los Angeles: uccide il figlio perché gay

Uccide il figlio perché gay: ennesima tragedia scaturita dall’omofobia familiare. È successo ieri a Los Angeles, dove Shehada Khalil Issa, un uomo di sessantanove anni, ha ucciso suo figlio Amir, di ventinove, perché omosessuale. La polizia, intervenendo in casa del presunto omicida nel quartiere di North Hills, ha trovato che anche la moglie era stata uccisa. Gli inquirenti tuttavia non hanno ancora fornito indicazioni sulla morte della donna, secondo quanto riporta il sito dell’emittente televisiva statunitense Cnn.

Il delitto si inserisce in un contesto familiare in cui già in passato si erano consumate intimidazioni e violenze contro il ragazzo. Stando a quanto riportato dalla stampa locale, infatti, il padre aveva già più volte minacciato il suo giovane figlio, a causa del suo orientamento sessuale. L’uomo, inoltre, ha affermato di aver agito per legittima difesa: Amir, secondo la versione dei fatti fornita inizialmente dal padre, avrebbe ucciso dapprima la madre e si sarebbe poi avventato con un coltello contro l’altro genitore, che gli avrebbe sparato un colpo di spistola per difendersi dall’aggressione del ragazzo, uccidendolo. Da lì la duplice tragedia. Il racconto di Shehada Khalil Issa,  tuttavia, non ha convinto gli inquirenti che hanno formulato contro l’uomo l’accusa di omicidio premeditato.

Condividi

Articoli recenti

Toilette “gender free”: all’Università di Torino è scontro con i collettivi di destra

L'iniziativa mandata avanti da un collettivo indipendente. Ma la destra nostalgica non ci sta...

6 dicembre 2019

Seattle, 10.000 lucine di Natale arcobaleno contro i vicini bigotti

L'iniziativa di una donna gay-friendly, contro i vicini omofobi. Succede a Seattle, negli USA.

6 dicembre 2019

Boston, giovane uomo aggredito con pala e taglierina perché gay

Un'aggressione immotivata, per le strade di Boston.

6 dicembre 2019

Gran Bretagna, nasce primo bambino da “gravidanza condivisa”

Dalla Gran Bretagna una nuova tecnica, che permette di "condividere" la maternità.

5 dicembre 2019

Vuole comprare un gatto: «Non vendiamo a transessuali». La denuncia

«Evidentemente quando il venditore ha visto la mia foto profilo su WhatsApp, si è indignato, è rimasto sconvolto».

5 dicembre 2019

Lipsia, l’allenatore Nagelsmann a favore del coming out

Un'importante apertura dal mondo del calcio, tradizionalmente ostile al mondo Lgbt+.

5 dicembre 2019