Categorie: Storie

Londra: autista si filma mentre molesta un ragazzo con i tacchi. Poi si scusa: “Vorrei incontrarlo”

Fotogramma del video: in primo piano l’autista, subito dietro il ragazzo oggetto di molestie

A pochi giorni dal Pride, Londra deve fare i conti con un nuovo episodio di omofobia. In un video che circola in rete -di cui abbiamo scelto di condividerne solo un fotogramma- si vede l’autista nelle vicinanze della fermata dell’autobus che si filma con lo smartphone inquadrando con insistenza un ragazzo con indosso un paio di tacchi che si trova alle sue spalle.
“È troppo presto per questa roba!” commenta ridacchiando. “Che fai?!” aggiunge mentre continua a seguire il giovane che tenta invano di sottrarsi all’imbarazzante situazione.

Non è chiaro quando e dove il video sia stato esattamente girato tuttavia è stato già annunciato che ci saranno conseguenze per l’autore delle molestie. Contattato da Gay Star News, Claire Mann, Direttore delle operazioni autobus dell’azienda dei trasporti londinese, ha dichiarato che quel “comportamento è assolutamente inaccettabile e non sarà tollerato“. E ha aggiunto: “Ci aspettiamo i più alti standard dai conducenti di autobus di Londra. Stiamo collaborando con il guidatore per indagare su questo incidente e per assicurarci che venga intrapresa immediatamente l’azione appropriata”.

“Se potessi incontrarlo, gli chiederei scusa”

Alla fine, l’autore del video e delle molestie nei confronti del ragazzo, messo alle strette dal clamore della vicenda, ha scelto di parlare rivolgendosi al sito GSN.
L’episodio, ha raccontato, è avvenuto un paio di settimane fa nel distretto di Merton (Londra). L’autista era andato a prendere un caffè intorno alle 8 del mattino e ha iniziato a farsi dei video-selfie con il telefono.

Il video sarebbe dovuto restare privato -si è giustificato l’uomo- ma sua sorella lo avrebbe pubblicato online trovandolo “divertente”. “Non ho alcun problema con la sessualità delle persone -ha assicurato a Gay Star News e, anzi, si definisce “molto turbato al pensiero che tante persone pensino che sia omofobo: “Avrei detto la stessa cosa anche a qualcuno che indossava degli stivali spaziali”.
“Sono distrutto. Mi sono seduto qui per tutto il pomeriggio chiamando e inviando email e cercando far rimuovere il video da Instagram e Facebook. Non è quello che sono. Non sono omofobo“. Infine, un pensiero alla vittima di questo spiacevole episodio: “Se potessi, vorrei incontrare il ragazzo e chiedergli scusa. Non era nelle mie intenzione tormentarlo in quel modo”.

Articolo aggiornato il 14 luglio 2018 alle 16.14

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020