Categorie: RainbowStorie

Oggi a Bologna tutte e tutti in bici al fianco di Cathy La Torre

L’appuntamento in bici è per questa sera alle 19.00 ed è intitolato “Bike with Cathy, l’odio porta sfiga“.
E dal sottotitolo è facile intuire che probabilmente questo sarà il primo di una serie di appuntamenti di solidarietà su due ruote: “in bici contro minacce e intimidazioni agli attivisti” recita infatti.

Cathy La Torre al Bologna Pride 2017

I ciclisti e le cicliste bolognesi questa sera pedaleranno insieme e per Cathy La Torre, l’avvocata presidente di Gay Lex minacciata qualche giorno fa di morte su Facebook per le proprie battaglie in difesa dei diritti Lgbt.
La manifestazione mobile su due ruote è nata spontaneamente da un’idea dell’associazione #salvaiciclisti Bologna, insieme a Dynamo (la velostazione di Bologna) e, ovviamente, Gay Lex, dopo che, pochi giorni fa, un utente Facebook registrato con il nome di Bonifacio Ferrari ha scritto a La Torre questo messaggio, accompagnato dalla foto di una mano che impugna la pistola. “Cathy La Torre pedala… che presto mentre pedali ti arriverà un colpo di pistola sulla fronte. Nessun compromesso con le lesbiche. Nessuno“. Episodio che l’avvocata ha subito denunciato sui social e – attraverso la Questura – alla polizia postale, che ora sta cercando di risalire alla reale identità dell’autore della minaccia.

Il ritrovo è fissato davanti la sede di Dynamo, la velostazione bolognese in via Indipendenza 71, poi il gruppo sfilerà per le vie della città. L’obiettivo – si legge sull’evento Facebook della manifestazione – è: “Pedalare con Cathy testimoniandole affetto e vicinanza, ribadire i valori antifascisti dell’uguaglianza, dell’accoglienza, della lotta alle discriminazioni. Ovviamente in sella alle nostre bici, riappropriandoci della nostra libertà di pedalare, respingendo ogni minaccia e odio!”. All’evento finora si sono già iscritte oltre trecento persone, ma probabilmente stasera a pedalare saranno in molte e molti di più.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020