Categorie: NewsOnda Pride

Insulti omofobi sulla vetrina di un sexy shop dedicata al Rimini Pride

“Porci”, “Froci”, “Froci maiali”. Queste le scritte che imbrattano le vetrine Love Shop (Sexy Shop moderno) di Rimini, che in occasione del Rimini Pride era stata dedicata alla comunità Lgbt.

La denuncia su Facebook

La denuncia arriva dalla proprietaria Viviana tramite un post su Facebook: “Come tutti gli anni anche adesso nel mese di luglio abbiamo dedicato la vetrina al GAY PRIDE, una scelta più ideologica che commerciale. Questa mattina ho avuto un’amara sorpresa: trovare le vetrine del negozio imbrattate da scritte omofobe” racconta.

“Per questo servono i Pride”

La proprietaria condivide un post con tre foto che ritraggano la vetrine, le scritte sono state tracciate molto probabilmente nella notte con un pennarello rosa. “Ora io non so se è stato un ragazzino che voleva fare una bravata o un attivista anti gay convinto” spiega Viviana “Ad ogni modo la interpreto come un rumorosissimo campanello di allarme per i tempi in cui stiamo vivendo“. Un segnale d’allarme, sottolinea, che evidenzia il bisogno dei Pride in questo paese.
E conclude con un invito: “Ci vediamo sabato al Rimini Summer Pride, di cui siamo anche fieri sostenitori”.

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020