Categorie: News

Berlino condanna l’assassinio dell’attivista lgbt Yelena Grigorieva: “La Russia faccia chiarezza”

La Germania condanna l’uccisione in Russia di Yelena Grigoriyeva, attivista per i diritti Lgbt, e chiede al governo russo di indagare per accertare se sia stata uccisa per il suo impegno politico.

Si faccia chiarezza

“Siamo molto preoccupati per le circostanze di questa morte”, ha detto il portavoce del Ministero degli Esteri tedesco Christofer Burger, riferendosi al fatto che Grigoriyeva ha avuto minacce. Ed ha chiesto un’indagine “trasparente ed imparziale”. “Ci aspettiamo in particolare che si chiarisca se l’uccisione di Grigoriyeva sia legata al suo impegno per la difesa dei diritti delle persone Lgbt” ha detto.

Minacciata insieme a Igor Kochetkov

Il corpo senza vita di Yelena Grigorieva è stato ritrovato ieri mattina a pochi centinaia di metri da casa sua a San Pietroburgo, in Russia. Dopo essere stata pugnalata in varie parti del corpo è stata strangolata e abbandonata dietro un cespuglio. I rappresentanti della Lgbt Network associano l’uccisione della donna alle attività del progetto omofobico Pila che si pone come obiettivo la «liquidazione dei gay». Poco prima dell’omicidio, sul sito di Pila il nome di Elena era stato aggiunto alla «lista nera» di persone per cui erano in serbo «regali molto pericolosi e crudeli». Insieme a Elena, il sito indica come obiettivi da colpire il direttore della rete Lgbtqi russa Igor Kochetkov e del centro risorse Lgbtqi a Ekaterinburg.

Le proteste e il silenzio dei media

Ieri sera si è tenuta una prima iniziativa di protesta a San Pietroburgo sulla Nevsky per ricordare Elena e chiedere sia fatta giustizia. Altre iniziative si terranno nei prossimi giorni in varie città della Federazione russa. Assordante invece il silenzio della tv di Stato e delle principali agenzie di stampa: la notizia dell’assassini.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020

La stanza dei canarini: l’amore tra Giulia e Adele, una storia tutta schiaffi

«Perché è questo che succede quando due si lasciano. Succede che uno decide di morire…

12 settembre 2020