Categorie: News

‘Il fattore gay’: la capitana della nazionale USA rivela il segreto della vittoria ai Mondiali

Gli Stati Uniti hanno vinto la Coppa del Mondo di calcio femminile. Le americane hanno battuto per 2-0 l’Olanda.

Il segreto? Gays

Megan Rapinoe è stata indubbiamente la stella di questo mondiale. L’attaccante americana ha conquistato il Golden Ball, titolo dedicato alla miglior giocatrice del mondiale, e la Scarpa d’oro come miglior marcatrice grazie ai 6 gol in 5 presenze. Il segreto? Nessuna squadra può farcela senza giocatori gay.

“Un dato scientifico”

“Non puoi vincere un campionato senza gay nella tua squadra” ha dichiarato, “Non è mai successo prima, mai. È scienza. Sono motivata dalle persone a cui piaccio, che combattono le mie stesse battaglie. Mi regalano più energia che provare a dimostrare agli altri che si sbagliano. Per me essere gay, e giocare i Mondiali nel mese del Pride, è favoloso”.
L’account ufficiale della squadra ha twittato la frase domenica dopo la vittoria aggiungendo un “l’avevamo detto“. Tweet che è stato prontamente condiviso da Rapinoe che ha aggiunto:
“La scienza è scienza. Gay rules”

“Sono una protesta ambulante per i diritti Lgbt”

La capitana degli Stati Uniti ai Mondiali di calcio femminili e lesbica dichiarata, è passata alle cronache oltre per il talento calcistico anche per le sue prese di posizioni contro il presidente degli Stati Uniti Trump: prima ha boicottato l’inno nazionale attirandosi l’ira del presidente americano, poi la promessa di un rifiuto di fronte a un eventuale invito alla Casa Bianca. Rapinoe da sempre si definisce una “walking protest” in difesa dei diritti e contro le diseguaglianze, oltre a essere una paladina della ‘pay equality’ nello sport.
Le calciatrici americane erano le grandi favorite della vigilia. Gli Stati Uniti sono infatti alla quarta vittoria in questa competizioni sulle otto edizioni sin qui disputate dal 1991. L’Olanda, campione d’Europa in carica, aveva eliminato l’Italia ai quarti di finale.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020