Categorie: News

Il consiglio di Dallas si schiera contro la visita di Bolsonaro: “Ospite indesiderato”

La metà dei 14 consiglieri del consiglio municipale della città statunitense di Dallas, nello stato del Texas, ha firmato una lettera contro la visita del presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, in città.

Disturbano le posizioni del presidente

I consiglieri si sono mostrati critici rispetto alle posizioni del presidente brasiliano su questioni come i diritti dei gruppi Lgbt, degli indiani e neri. Le ragioni sono simili a quelle che hanno portato il sindaco di New York, Bill de Blasio, a dire che Bolsonaro è “un essere umano pericoloso” e che “non e’ il benvenuto a New York”. Il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, sarà a Dallas principalmente per ritirare il premio di personalià’ dell’anno dalla Camera di commercio Brasile-Stati Uniti, omaggio che avrebbe dovuto essere consegnato nel corso di un evento a New York City, cancellato dal governo brasiliano a causa delle critiche di associazioni di difesa dei diritti umani, delle donne e della comunit Lgbt e a causa posizione estremamente polemica assunta del sindaco de Blasio.

La lettera

Nella lettera dei consiglieri di Dallas, si sottolinea che la visita di Bolsonaro in città genera un “profondo disappunto”, soprattutto per il fatto che l’evento sarà ospitato presso il Consiglio degli affari internazionali di Dallas. Secondo i consiglieri critici è sbagliato “fornire una piattaforma per il presidente Bolsonaro per un evento che normalizza pericolosamente il suo autoritarismo e mostra tacito sostegno ai suoi atti discriminatori, le parole e le posizioni politiche”, scrivono nella lettera. Primo momento ufficiale e tra i più importanti del viaggio sarà l’incontro privato di mercoledì 15 maggio, con l’ex presidente degli Stati Uniti George W. Bush. Oltre a Bush, il presidente brasiliano incontrerà il governatore del Texas, Greg Abbot, il sindaco di Dallas, Mike Rawlings, e il senatore del Texas, Ted Cruz.

Condividi

Articoli recenti

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020