Giornata della visibilità trans: un’infografica spiega perché ce n’è sempre più bisogno

In occasione del Transgender Day of Visibility, che si celebra ogni 31 marzo, l’organizzazione Trans Student Educational Resources pubblica un’infografica per spiegare, con i numeri, perché c’è bisogno di maggiore visibilità per le persone trans.
E i dati riportati nell’infografica dell’associazione statunitense sono molto chiari.

Adolescenti trans e scuola

L’80 per cento degli studenti e delle studentesse trans non si sente sicuro a scuole rispetto alla propria espressione di genere (cioè l’aspetto, l’abbigliamento ecc). Il 58 per cento delle persone di genere non conforme ha sperimentato vessazioni verbali a scuola per via dell’espressione di genere: una cifra altissima rispetto al 29 per cento dei coetanei.

La violenza nelle coppie

Stando ai dati raccolti dal Gender, Violence and Resource Access Survey, il 50 per cento delle persone trans è stata stuprata o aggredita dal proprio partner. Un elemento che testimonia come la violenza di genere non riguarda solo le donne biologiche.

Il razzismo

C’è poi l’elemento del razzismo. Il numero di persone trans nere soggette a violenza da parte delle forze dell’ordine è di sei volte superiore rispetto a quello delle persone bianche e cisgender (ovvero le persone che si riconoscono nel genere assegnato alla nascita).
Inoltre, il 41 per cento delle persone trans ha tentato il suicidio. Ancora, una persona transgender su cinque ha sperimentato la condizione di senza casa almeno una volta nella vita e una su otto è stata sfrattata per via della propria identità di genere.

Trump contro le persone transgender

Sono numeri drammatici in un paese come gli Usa dove l’attuale amministrazione centrale, guidata da Donald Trump, si sta distinguendo per le politiche discriminatorie contro la comunità transgender e transessuale. Dall’abolizione del provvedimento di Obama sui bagni e gli spogliatoi nelle scuole al divieto per le persone trans di arruolarsi, quella di Trump si è configurata fin dall’inizio come una vera e propria crociata contro la comunità trans.
La visibilità, sottolinea Trans Student, è lo strumento principale per la comprensione da parte del resto della società. E’ questo il senso di analizzare e diffondere questi dati per fare comprendere il fenomeno della discriminazione.

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020