John Bercow si è dimesso e la Gran Bretagna perde un paladino dei diritti

John Bercow, l’ormai iconico speaker della Camera dei comuni inglese, ha annunciato le sue dimissioni in polemica con la politica di Boris Johnson sulla Brexit. La comunità Lgbt+ inglese perde così uno dei suoi alleati più forti.

JOHN BERCOW

Eletto nel 1997 nella circoscrizione di Buckingham per il partito Conservatore, è diventato famoso in tutto il mondo con il suo umorismo pungente e per il suo stile diretto. Nonostante allo Speaker venga richiesto di essere indipendente e imparziale, Bercow ha preso più volte la parola in difesa, quando non di aperto sostegno, nei confronti della comunità.

IL SOSTEGNO ALLA COMUNITA’ LGBT+

Nel 2002 tre, per esempio, ha sfidato la linea conservatrice, ben ben tre volte, per votare a favore del matrimonio egalitario e delle adozioni per le coppie non sposate. La linea dei Tories è sempre stata contraria a questa riforma, colpevole secondo loro di andare contro gli interessi dei bambini. John Bercow ha così deciso di allinearsi ai Laburisti, dando anche le dimissioni come ministro ombra del lavoro e delle pensioni.

LE CIVIL PARTNERSHIP

John Bercow ha anche parlato a favore della celebrazione delle unioni civili al palazzo di Westmister: «Se si parla di unioni civili sento fortemente che questa sia una questione di equità e di giustizia».

«DIFENDERE LA COMUNITA’ È DOVERE»

Un dovere. Ecco come John Bercow ha definito la sua partecipazione alle lotte della comunità Lgbt+. Per questo nel 2011 ha sponsorizzato e lanciato due campagne di raccolta fondi: la Diversità Role Models, con lo scopo di fermare il bullismo nelle scuole, e la Keleidoscope Trust, una non profit a favore della comunità estera.

LA MODIFICA ALLO STEMMA

Sempre nel 2011 John Bercow ha deciso di cambiare il suo stemma ufficiale, proprio per sottolineare il suo supporto alla comunità: arcobaleni e triangoli rosa con le parole “Tutti sono uguali”. Lo stesso stemma è a tutt’oggi esposto nella collezione d’arte del Parlamento britannico.

I GIOCHI DEL COMMONWEALTH

Durante l’edizione 2014 dei Giochi del Commonwealth, manifestazione multisportiva che coinvolge i paesi delle colonie e delle ex colonie di Sua Maestà, a Glasgow John Bercow ha dichiarato che era giunto il momento di porre fine alla vergognosa criminalizzazione della omosessualità.

«I DIRITTI CIVILI SONO DIRITTI UMANI»

Critico anche sul rapporto tra diritti civili e religione: «Supporto il diritto di ogni persona di avere il suo credo, ma per me, quando c’è un contrasto tra la fede e il riconoscimento e le dimostrazione del rispetto dei diritti umani, questi devono prevalere sulla fede. Il diritto delle persone Lgbt+ in questo paese e in tutto il mondo sono diritti umani e come tali devono essere riconosciuti».

LE DIMISSIONI

I Tories, che già hanno espulso i dissidenti dal partito, hanno deciso di rimpiazzarlo candidandogli un rivale nella circoscrizione di Buckingham, che per convenzione elegge lo speaker. Per questo e in contrasto con la Brexit, John Bercow ha deciso di dimettersi. Un ulteriore motivo per non vedere di buon occhio Boris Johnson.
.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020

Stonewall 50… in Poi: torna il festival Lgbt+ a Palazzolo Acreide

Torna il festival arcobaleno degli Iblei, l'11 agosto a Palazzolo Acreide in provincia di Siracusa.

31 luglio 2020

Guardami, nasce la campagna social per raccontare la comunità T

Dai moti di Stonewall a oggi ci hanno sempre mess* da parte, hanno sempre scelto…

31 luglio 2020