Categorie: News

Anche Crema trascrive il certificato di nascita di due bimbi con due papà

Torino, Bologna, Gabicce, Alfonsine e ora anche Crema. E’ l’elenco dei comuni che solo negli ultimi giorni hanno deciso di riconoscere in pieno le famiglie con due genitori dello stesso sesso. Un elenco che, in realtà, è molo più lungo e parte da Napoli, nel 2015.

Due bimbi e due papà

A dare notizia che anche Crema si è unita a quella che le associazioni hanno definito “primavera arcobaleno” è ancora una volta Famiglie Arcobaleno. Si tratta, da quanto apprende Gaypost.it, di una coppia di papà e dei loro gemelli nati in California. Il certificato di nascita statunitense dei bambini è stato interamente trascritto dall’anagrafe di Crema. In questo modo, ai piccoli sono stati riconosciuti entrambi i loro papà e ai due uomini tutti i doveri dei genitori.

“Molti i comuni che stanno trascrivendo”

“La scelta del sindaco di Bologna, che ringraziamo, di seguire la strada tracciata da Torino è una ulteriore dimostrazione del fatto che quella di Chiara Appendino non era una forzatura – commenta la presidente di Famiglie Arcobaleno Marile Grassadonia -. Ma una scelta dovuta sulla base di una corretta interpretazione delle leggi e delle sentenze in materia. Ora siamo impegnati, con i nostri soci, perché altri Comuni ancora si aggiungano”. “Bologna e Torino sono gli unici Comuni, al momento, che hanno emesso certificati di nascita con due madri per bimbi nati in Italia – aggiunge -. Molti altri Comuni, invece, procedono con le trascrizioni di certificati esteri. L’ultimo in ordine di tempo è oggi Crema”.

“La politica attenta ai bisogni”

“I sindaci sono il volto della politica attenta ai bisogni della gente – conclude Grassadonia – e speriamo che questa ondata spinga il Parlamento a legiferare in modo che tutti i comuni di Italia agiscano riconoscendo uguali diritti a tutti i bambini e le bambine di questo Paese”.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020