Categorie: News

Cirinnà a Lamorgese: “Cancelli il decreto di Salvini che discrimina i bimbi arcobaleno”

Dopo la strigliata dei giorni scorsi fatta al suo partito, Monica Cirinnà tuona dai banchi di Palazzo Madama e si rivolge alla ministra Lamorgese. Alla nuova titolare dell’Interno chiede di fare un passo indietro sul decreto del suo precedessore, Salvini, che aveva reintrodotto la dicitura padre e madre sui documenti dei minori.

L’INTERVENTO

I PUNTI SALIENTI

La senatrice Monica Cirinnà ha dunque chiesto alla neo ministra dell’Interno Lamorgese di fare un passo indietro e di cancellare il decreto di Matteo Salvini che aveva reintrodotto la dicitura padre e madre sui documenti dei minori. Il provvedimento voluto dall’ex inquilino del Viminale, secondo la senatrice dem, sarebbe stato uno dei più odiosi proposti dall’ex maggioranza giallo-verde. Un decreto che, sempre secondo la senatrice Dem, avrebbe «tagliato con l’accetta esperienze familiari della nostra società ed esponendo a discriminazioni intollerabili per i bambini e le bambine sulla base della famiglia in cui crescono».

INGERENZE PESANTISSIME: LA STOCCATA A SALVINI

Monica Cirinnà ha definito il decreto di Salvini “un’ingerenza pesantissima nella vita famigliare e intima dei bambini e delle loro famiglie”. Un «atteggiamento – dice – tipico di una certa incultura politica che ignora certe esperienze di vita e che la taglia consapevolmente con l’accetta dell’ideologia e dell’oscurantismo».

GRAVE, VERGOGNOSO E PERICOLOSO

Non usa mezzi termini Monica Cirinnà. E nel parlare del decreto del precedente governo usa parole come “grave, vergognoso e pericoloso”. «Mi auguro – termina Cirinnà – che venga al più presto rimosso dal nostro ordinamento giuridico. E mi rivolgo in tal senso alla ministra Lamorgese».

Condividi

Articoli recenti

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020

Primo matrimonio egualitario in Irlanda del Nord: le nozze di Sharni e Robyn

Il primo sì pronunciato da una coppia lesbica: il Irlanda del Nord la legge è cambiata a ottobre 2019.

11 febbraio 2020