Categorie: News

Coming out per la golfista Mel Reid: “Orgogliosa di ciò che sono”

Il mondo dello sport, si sa, può essere molto duro per le persone Lgbt. E non è solo una questione di spogliatoi da condividere e di situazioni di “ordinario” bullismo come giovani gay, lesbiche, trans, ecc, ma anche di mancata accettazione, a livello agonistico, della “diversità” da parte di strutture, associazioni e organizzazioni. E se alcuni ambienti, come quello del rugby, sono tradizionalmente gay-friendly, altri come il calcio sono ambiti spiccatamente omofobi. Anche nel golf ci sono molte prudenze a fare coming out. Per fortuna, anche qui però le cose cominciano a cambiare in positivo.

Il coming out di Mel Reid

Mel Reid

Stavolta, è il turno della campionessa Mel Reid, che ha deciso di “uscire dall’armadio”. «Ho protetto la mia sessualità per lungo tempo, perché pensavo di perdere i miei sponsor, il che avrebbe pregiudicato la mia carriera» ha dichiarato la sportiva. «Dopo ho pensato che non potevo più mentire e che non avrei potuto rappresentare nessuna azienda se non fossi stata me stessa. C’è una sola versione di te al mondo, c’è una sola vita da vivere: bisogna essere orgogliosi di come si è». Non è la prima volta che nel golf si fa coming out. Già a settembre Tadd Fujikawa aveva dichiarato di essere omosessuale.

I problemi nei paesi in cui essere omosessuali è reato

Mel Reid ha trentuno anni, ha importanti successi nella sua carriera e ha dichiarato di aver avuto la vicinanza del suo team e da parte delle sue colleghe: «Il Tour è una comunità molto aperta e accomodante ed è raro che qualcuno abbia un problema con la sessualità di un altro», ricordando che ha «sempre avuto molti amici che mi hanno supportato, sia dentro che fuori dal green». Eppure alcune criticità persistono: «L’unico problema è che ad oggi essere gay è ancora illegare in certi Paesi in cui ci rechiamo a giocare».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020