News

Coming out per la golfista Mel Reid: “Orgogliosa di ciò che sono”

Il mondo dello sport, si sa, può essere molto duro per le persone Lgbt. E non è solo una questione di spogliatoi da condividere e di situazioni di “ordinario” bullismo come giovani gay, lesbiche, trans, ecc, ma anche di mancata accettazione, a livello agonistico, della “diversità” da parte di strutture, associazioni e organizzazioni. E se alcuni ambienti, come quello del rugby, sono tradizionalmente gay-friendly, altri come il calcio sono ambiti spiccatamente omofobi. Anche nel golf ci sono molte prudenze a fare coming out. Per fortuna, anche qui però le cose cominciano a cambiare in positivo.

Il coming out di Mel Reid

Mel Reid

Stavolta, è il turno della campionessa Mel Reid, che ha deciso di “uscire dall’armadio”. «Ho protetto la mia sessualità per lungo tempo, perché pensavo di perdere i miei sponsor, il che avrebbe pregiudicato la mia carriera» ha dichiarato la sportiva. «Dopo ho pensato che non potevo più mentire e che non avrei potuto rappresentare nessuna azienda se non fossi stata me stessa. C’è una sola versione di te al mondo, c’è una sola vita da vivere: bisogna essere orgogliosi di come si è». Non è la prima volta che nel golf si fa coming out. Già a settembre Tadd Fujikawa aveva dichiarato di essere omosessuale.

I problemi nei paesi in cui essere omosessuali è reato

Mel Reid ha trentuno anni, ha importanti successi nella sua carriera e ha dichiarato di aver avuto la vicinanza del suo team e da parte delle sue colleghe: «Il Tour è una comunità molto aperta e accomodante ed è raro che qualcuno abbia un problema con la sessualità di un altro», ricordando che ha «sempre avuto molti amici che mi hanno supportato, sia dentro che fuori dal green». Eppure alcune criticità persistono: «L’unico problema è che ad oggi essere gay è ancora illegare in certi Paesi in cui ci rechiamo a giocare».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Il partito di Giorgia Meloni condannato per i manifesti contro la gestazione per altri

E' durata sette anni la battaglia in Tribunale contro il partito della premier Giorgia Meloni.…

9 Giugno 2023

Roma Pride: il 10 giugno in piazza al grido di “Queeresistenza”

"Non abbiamo mai smesso di lottare contro le discriminazioni, perfino istituzionalizzate, nei confronti di tutta…

31 Maggio 2023

Umbria Pride, il mese di giugno all’insegna dell’arcobaleno

In attesa del Pride Month, le associazioni Lgbt+ del territorio umbro entrano nel vivo con…

31 Maggio 2023

Il 19 giugno arriva alla Camera la legge per rendere la gestazione per altri “reato universale”

La conferenza dei capigruppo ha fissato per il prossimo 19 giugno alla Camera l'inizio della…

30 Maggio 2023

Crocini (FA): “Sulle famiglie omogenitoriali il Governo mente: serve una nuova resistenza”

E' di ieri la notizia, data da Gaypost.it, del caso di un padre intenzionale a…

30 Maggio 2023

Muore il padre biologico: il Tribunale impone la trascrizione dell’atto di nascita con i due papà

Il Tribunale di Milano ha imposto la trascrizione di un atto di nascita con due…

29 Maggio 2023