Categorie: News

Chi era Lyra McKee la giornalista e attivista Lgbt uccisa stanotte in Irlanda

Si chiamava Lyra McKee la giornalista di 29 anni e attivista Lgbtqi uccisa ieri sera a Londonderry durante gli scontri tra i dimostranti – appartenenti secondo alcuni a gruppi di dissidenti repubblicani – e la polizia dell’Irlanda del Nord. Secondo quanto riportano i media britannici, le proteste sarebbero cominciate in seguito alla perquisizione di una casa da parte di un gran numero di agenti. McKee, originaria di Belfast, si occupava dell’eredità dei Troubles, la guerra civile che ha tormentato l’Irlanda del Nord per trent’anni. Scriveva per The Atlantic e BuzzFeed News e lavorava anche per l’aggregatore di notizia californiano Mediagaze

Un atto di terrorismo

Gli scontri, commenta il Guardian, giungono alla vigilia del fine settimana di Pasqua, periodo in cui i repubblicani celebrano l’anniversario della Rivolta di Pasqua del 1916 ed i dissidenti organizzano dimostrazioni in strada. McKee, secondo una giornalista che si trovava sul posto, era accanto ad una Land Rover della polizia quando è stata raggiunta dai colpi di arma da fuoco, che secondo un altro testimone oculare sarebbero stati sparati da una persona dal volto coperto che sparava contro i mezzi degli agenti. Durante le proteste delle bombe Molotov sono state lanciate contro la polizia ed alcune auto sono state incendiate. “Trattiamo questo evento come fatto di terrorismo, è stata aperta un’indagine per omicidio”, ha fatto sapere su Twitter il vice commissario della polizia, Mark Hamilton.

Il suo impegno per la comunità

Lyra McKee oltre che giornalista e autrice, era nota anche come attivista LGBTQ. In rete è ancora possibile guardare il suo intervento per TED Talk nel 2017 sul rapporto religione e omosessualità.

“Sono una di quelle persone che deve raccontare diverse storie prima di arrivare al punto” scherzava di fronte al pubblico del TEDTalk.
McKee ha raccontato del suo viaggio negli Stati Uniti come parte di una delegazione del Regno Unito. Era l’unica rappresentante per l’Irlanda del Nord. Lo scopo del viaggio, raccontava, era “imparare i valori americani”. Il viaggio caratterizzato da da una serie di “vantaggi” che lei descriveva come “una carota che penzola davanti al suo naso”, ad esempio un viaggio Disneyland. Dal suo incontro con il Presidente Trump (“L’orango-tango a capo della Casa Bianca”) alla visita di una moschea a Orlando, in Florida.
Quest’ultimo, il viaggio più difficile. “Ho odiato me stessa per buona parte della mia vita. Mi sono odiata perché la religione mi ha insegnato questo. E quando ho smesso di odiare me stessa, ho iniziato ad odiare la religione. Eppure ero affascinata da questa moschea che si trovava proprio a Orlando”
McKee ha raccontato così la strage del club Pulse avvenuto il 12 Giugno, 2016, che portò alla morte di 49 persone. La moschea, spiegava, ha condannato subito l’attentato, mentre “Alcune Chiese Cristiane di Orlando rifiutavano di aprire le porte a queste morti, perché erano gay”.

“Non possiamo scappare dalla religione, dialoghiamo”

McKee descrive al pubblico del TED Talk la conversazione che ha avuto con un membro della moschea, il dolore e le lacrime del gruppo di preghiera per un giovane musulmano che si era suicidato perché gay. Una realtà che le aveva mostra una consapevolezza diversa: “Non possiamo scappare dalla religione perché la religione spiega al mondo come persone Lgbt devono essere trattate. E spiega come noi persone Lgbt dobbiamo sentirci. La prima lezione che ho imparato da persona lesbica è che ero il male e che sarei finita all’inferno”.
Una lezione che le ha fatto comprendere meglio come gli insegnamenti religiosi sull’omosessualità debbano cambiare. Un modo per farlo: “avere questi dialoghi anche se difficili e combattere i cuori e le menti che si oppongono a noi”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020