News

Usa: uccise il figlio Giovanni perché gay. Inizia il processo al padre omofobo

Un uomo di cinquantatré anni, Wendell Melton, è stato accusato dell’omicidio di suo figlio Giovanni nel novembre del 2017 ed è in prigione da allora. Il processo è iniziato il 6 novembre e attualmente è ai domiciliari. Il movente? Sarebbe stato l’omosessualità del figlio.

LE ACCUSE AL PADRE

Le accuse che Wendell Melton deve affrontare in tribunale sono molte e gravi: omicidio doloso, possesso illegale di arma da fuoco e abuso su minore. Wendell Melton ha dichiarato di non aver voluto uccidere suo figlio, ma che si sia trattato di un incidente, di un colpo partito per sbaglio. La madre di Giovanni, Veronica Melton, non è d’accordo,

Wendell Melton, accusato dell’omicidio del figlio

Secondo la donna quella del marito per la presunta omosessualità del ragazzo era una vera e propria ossessione. Alla madre Giovanni aveva fatto coming out due mesi prima di essere ucciso e suppone che abbia fatto lo stesso con il padre all’incirca nello stesso periodo. «Non riusciva a farsene una ragione. Quando ci siamo sposati non faceva altro che fare commenti sprezzanti verso i gay e so che è un omofobo», ha raccontato Veronica. Per questo, secondo la donna, al marito dovrebbero essere riconosciute delle aggravanti, come i crimini d’odio.

GIOVANNI, “ABUSATO FISICAMENTE E MENTALMENTE”

Giovanni era stato dato in affidamento e la sua precedente madre affidataria, Sonja Jones, aveva detto: «Giovanni è stato abusato fisicamente, mentalmente e spiritualmente per tanti, tanti anni». La signora Jones aveva aggiunto che Wendell odiava il fatto che suo figlio fosse gay e che fosse «certo, nella sua mente, di preferire un figlio morto a un figlio gay». La signora Jones ha anche parlato con alcuni membri della famiglia che hanno confermato un litigio in merito all’orientamento sessuale di Giovanni. Veronica vorrebbe partecipare al processo, ma ha detto: «È dura, è molto difficile per me. Farei di tutto per riavere mio figlio. Quando è morto, sono morta anche io. Quel giorno sono morta. Il mio cuore si è spezzato».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ignazio Marino, sei ancora un alleato della comunità LGBTQIA+?

Ce lo ricordiamo tutti, Ignazio Marino, allora sindaco di Roma, che trascrive pubblicamente 16 matrimoni…

12 Giugno 2024

Europee 2024, piccoli passi per garantire il diritto di voto alle persone trans

Come a ogni tornata elettorale, e ciò vale anche per le elezioni europee, molte persone…

8 Giugno 2024

Arriva la saga finale di Sailor Moon: il ritorno delle guerriere “transgender”

Una notizia a lungo aspettata dalla fan base italiana: Sailor Moon torna su Netflix, per…

7 Giugno 2024

Enna Pride, la prima volta della marcia arcobaleno nel centro della Sicilia

Ci sono le prime volte, alcune delle quali lasciano un segno indelebile, e l'Enna Pride…

2 Giugno 2024

Padova: il Tribunale dice sì a 35 certificati con due mamme

Il Tribunale di Padova ha rigettato tutte le impugnazioni degli atti di nascita con due…

5 Marzo 2024

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023