Categorie: Cool

Celebrate Yourself: A Torino la mostra senza “etichette”

Trentacinque ritratti oltre le etichette. Dal 4 maggio e fino al 4 giugno al MAU – Museo di Arte Urbana di Torino sarà esposta la mostra Celebrate Yourself della fotografa Alice Arduino, attivista e militante in ambito femminista, lgbt+ e di genere.

Celebrate Yourself è un progetto fotografico che ha l’obiettivo di raccontare al mondo la comunità lgbt+ attraverso le vite di trentacinque persone. I loro hobby, passioni, lavoro, principi e valori spogliati dalle etichette di gay, lesbica, bisessuale e transessuale, sono protagonisti della mostra.

I protagonisti

Alice Arduino

Storie di singoli, coppie e famiglie omogenitoriali. Politici, dejeey, poliziotti, avvocati, attivisti, studenti, giovani e scrittori che hanno fatto coming out e che hanno deciso di raccontare la loro esperienza e il loro vissuto.

Un contributo, quello dei protagonisti di Celebrate Yourself, che nelle intenzioni di Arduino hanno la finalità di sensibilizzare maggiormente quelli che ancora guardano con diffidenza il mondo omosessuale e di aiutare altri giovani a fare coming out.

Le storie dei protagonisti sono già state pubblicate sulle riviste Pride Online, TPI – The Post Internazionale e sul sito Sessualità Positiva della Psicologa Laura Salvai. L’idea è di promuovere il progetto come “una espressione di libertà e consapevolezza per essere se stessi e vivere felici”.

Etichette? No, grazie

“Il mio obiettivo era raccontare la comunità lgbt+ andando oltre le etichette” spiega Alice Arduino. “Volevo che uscisse fuori la storia delle persone fotografate, i loro hobby, passioni, quello che fanno nel tempo libero, cosa leggono, guardano in tv, al cinema e che musica ascoltano. Chi legge le interviste deve trovare dei punti in comune con loro, familiarizzare, sorridere, commentare perché le cose che ci accomunano e uniscono sono molteplici. Il fatto che poi siano gay, lesbiche, bisessuali e transessuali è una cosa in più, una ‘etichetta’ che gli altri ti attaccano e che non deve influire sul giudizio delle persone”.

Se la società odierna tende a etichettare qualsiasi cosa e, soprattutto, chiunque, Arduino vuole ribaltare questo principio “partendo dalla comprensione e uguaglianza attraverso ciò che si ha in comune con loro”.

Uno scatto della mostra

E allora, Michela prima di tutto è una cuoca e pasticcera, Luigi uno studente di giurisprudenza impegnato con i migranti, Mimmo e Alberto sono rispettivamente uno stilista e un impiegato che amano la musica rock anni ’70 e ’80.

Verso il 17 maggio

In occasione della Giornata Internazionale contro l’omolesbo-transfobia presso la galleria si terranno dibattiti organizzati da Arcigay Torino, Circolo Maurice e Sunderam Identità Transgender.

“Ritengo sia importante parlare e analizzare quali siano le forme di discriminazione che le persone glbt subiscono. In casi estremi, ma sempre più spesso, vi sono violenze, omicidi e suicidi. Per questo è necessario capire quali siano le dinamiche relazionali e di bullismo che si attuano verso i soggetti colpiti. Le associazioni partner sono le più indicate a raccontarlo, perché fatte dalla comunità stessa che si racconta”, conclude la fotografa.

Il giorno del finissage, il quattro giugno, sarà possibile conoscere alcuni dei protagonisti delle fotografie esposte.

 

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Napoli, donna trans picchiata e buttata in un tombino

Una donna trans è stata picchiata e rinchiusa in un tombino, a Napoli. Un'aggressione transfobica di una violenza inaudita che…

16 dicembre 2019

Lesbiche, minorenni e innamorate. Fuga d’amore da Nizza alla Calabria

Un amore lesbico osteggiato dalle famiglie, una fuga per migliaia di chilometri e un intero paese disposto ad aiutarle. È…

13 dicembre 2019

Uk, Boris Johnson ha vinto: cosa devono aspettarsi le persone Lgbt+?

La notizia ha iniziato ad aleggiare nell’aria fin dai primi exit poll di ieri sera. I Conservatori hanno stravinto le…

13 dicembre 2019

Aveva raccontato le terapie riparative: donna lesbica trovata senza vita

Prime le terapie riparative, poi il ricovero per autolesionismo. Alan Chen aveva raccontato la sua storia al Denver Post ad…

13 dicembre 2019

Hallmark, lo spot di wedding planning non è piaciuto alle mamme cristiane

Questo Natale è crollato uno dei più grandi bastioni dell’eteronormatività: il canale televisivo statunitense Hallmark. A scatenare le ire degli…

12 dicembre 2019

YouTube, nuove regole per mettere alla porta l’hate speech

Proprio ieri YouTube ha annunciato una nuova politica che metterà al bando gli youtuber che creano contenuti violenti. Le nuove…

12 dicembre 2019