Categorie: News

Le associazioni LGBT statunitensi minacciano di denunciare Trump per discriminazione

Il presidente statunitense Donald Trump sarà chiamato in tribunale dalle associazioni LGBTI se firmerà l’ordinanza per “la libertà religiosa”.
Fortemente voluta dal vicepresidente Pence, secondo quanto riporta GayStarNews, permetterà ai gruppi fondamentalisti cattolici di discriminare le persone che, a loro giudizio, sono “sessualmente immorali”.

“Obiezioni morali o religiose”

Un documento che anticipava il provvedimento era già circolato lo scorso febbraio, ma non è chiaro se le quattro pagine trapelate allora siano quelle che Trump si appresta a firmare, ma Human Rights Campaign e American Civil Liberties Union hanno già annunciato azioni legali se il provvedimento dovesse davvero essere come previsto. I documenti trapelati prevedevano l’esenzione totale dalle attuali leggi anti-discriminazione per “ogni persona o organizzazione che avanzi obiezioni morali o religiose ai matrimoni dello stesso sesso, al sesso prematrimoniale, all’aborto e all’identità trans”.
Dato che oggi si celebra la Giornata Nazionale della Preghiera, l’amministrazione Trump la celebrerà insieme ai leader religiosi.

Le associazioni: “Un’azione incostituzionale”

“L’azione incostituzionale che Trump potrebbe intraprendere – ha dichiarato Chad Griffin, presidente di HRC -, non è altro che una licenza a discriminare che mette a rischio milioni di persone LGBTQ. Non c’è alcuna crisi della libertà religiosa in America, ma ce n’è una di odio e discriminazione. In un momento in cui due terzi delle persone LGBTQ riferiscono di avere subito delle discriminazioni, Trump sta cercando di peggiorare le cose dando copertura legale a chi le perpetra. Anche solo prendendo in considerazione la possibilità di firmare un ordine del genere, ha rotto la promessa di essere il presidente di tutti gli americani”.

“Se il presidente Trump firmerà un ordine esecutivo che cerca concedere la licenza di discriminare le donne o le persone LGBT – ha aggiunto Louise Melling, vice direttrice legale di ACLU – lo trascineremo in tribunale”.

Condividi

Articoli recenti

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020