Categorie: News

Agenzia cattolica rifiuta le coppie gay per gli affidamenti: Philadelphia blocca i fondi pubblici

La Corte suprema statunitense ha emesso una sentenza contro un’organizzazione cattolica di servizi sociali, finanziata dal comune di Philadelphia che si rifiuta di ammettere le coppie dello stesso sesso sposate come candidate a prendere bambini in affidamento. La motivazione addotta per il rifiuto è l’obiezione di coscienza e la libertà religiosa.

Il Comune blocca i contributi

La policy dell’agenzia ha portato il Comune di Philadelphia a sospendere i contributi pubblici all’organizzazione. Per un’ordinanza dell’amministrazione cittadina, infatti, qualsiasi agenzia o organizzazione percepisca fondi pubblici deve rispettare i principi di non discriminazione. Nel caso specifico, l’agenzia è tenuta ad accettare le richieste di adozione e affido senza fare distinzioni sulla base dell’etnia, della religione, dell’orientamento sessuale, dell’identità di genere o senza penalizzare le persone non sposate rispetto a quelle sposate. In caso contrario può scindere il contratto dicollaborazione con il Comune.

Tutti d’accordo i tribunali: sospese le attività

La vicenda era già passata al vaglio di un tribunale federale che aveva ordinato all’organizzazione di bloccare tutte le richieste di accesso ai suoi servizi fintanto che non fosse arrivata la sentenza di un giudice. Anche la Corte d’Appello aveva rigettatola richiesta dell’organizzazione di sbloccare le richieste anche durante l’inchiesta.
Ora la Corte Suprema ha confermato la decisione precedente. Tutto fermo quindi, ma l’agenzia denuncia di essere vittima, a sua volta, di discriminazione basata su un pregiudizio anti-religioso. A rimanere esclusi dagli affidamenti, però, sono le coppie dello stesso sesso e l’agenzia potrebbe comunque continuare ad applicare le proprie linee guida senza percepire i fondi pubblici.

Nessuna discriminazione con i soldi del Comune

“Se le convinzioni religiose di un’agenzia che ha un accordo con il governo le danno il diritto di offrire servizi governativi solo a coloro che soddisfano i suoi criteri religiosi, ciò si applicherebbe ugualmente a un’agenzia le cui convinzioni religiose le impediscono di accettare donne che lavorano fuori casa o membri di differenti fedi” ha dichiarato il Comune in una nota.

Condividi

Articoli recenti

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020