I bambini delle famiglie arcobaleno sono come tutti gli altri. Lo dice la scienza

I bambini delle famiglie arcobaleno sono proprio come tutti gli altri. Lo conferma lo studio realizzato dal Dr. Nicola Carone, ricercatore dell’Università degli Studi di Pavia, con il prof. Vittorio Lingiardi, la Dott.ssa Annalisa Tanzilli e il Prof. Roberto Baiocco dell’Università la Sapienza di Roma e la Prof.ssa Henny Bos dell’University of Amsterdam. La ricerca è stata appena pubblicata sul Journal of Developmental and Behavioral Pediatrics.

L’OGGETTO DELLA RICERCA

Lo studio, intitolato “Lo Sviluppo di genere nei bambini con genitori gay, lesbiche ed eterosessuali” ha esaminato 120 bambini. Di questi quaranta sono nati da padri gay, tramite maternità surrogata, quaranta da madri lesbiche, con donazione di sperma, e 40 da coppie etero tramite rapporto sessuale. Tutti i bambini studiati hanno dai tre ai nove anni.

IL METODO

I bambini sono stati osservati in sessioni di gioco libero mentre ai genitori e a un’altra figura non genitoriale significativa (baby-sitter, nonni, zii o amici di famiglia) sono state fatte interviste standardizzate.

RISULTATI

Bambini e bambine nati da genitori gay o eterosessuali hanno mostrato meno flessibilità di genere nelle loro caratteristiche e nelle loro attività rispetto ai bambini e alle bambine delle coppie lesbiche. Hanno anche ricevuto un punteggio più alto nel gioco dei travestimenti con abiti solitamente considerati conformi al genere e hanno speso più tempo con giocattoli legati al loro genere. In tutte le famiglie sia i bambini sia le bambine hanno mostrato poca inclinazione a travestirsi con abiti solitamente considerati non conformi al loro genere e a giocare con giocattoli non conformi al loro genere, a prescindere dall’età.

MASCHI E FEMMINE

La comparazione tra generi ha indicato che le bambine e i bambini delle coppie etero e gay adottano comportamenti rispettivamente più femminili e più maschili, anche nel loro modo di giocare, rispetto ai figli e alle figlie delle coppie lesbiche.

LE CONCLUSIONI

“I nostri risultati- scrivono i ricercatori – non supportano l’idea che i figli e le figlie delle coppie gay o lesbiche mostrino una maggiore non conformità di genere rispetto a quelli delle figlie delle coppie eterosessuali”. “In questo senso, i nostri risultati – concludono – rassicurano coloro che sono preoccupati per lo sviluppo di genere dei bambini e bambine con genitori gay e lesbiche data l’assenza di entrambi i generi sessuali dei genitori con cui identificarsi”. In sostanza, le ansie di chi pensa che sia indispensabile avere un padre e una madre perché i bambini crescano bene non hanno fondamento scientifico.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Coronavirus, la campagna per il sostegno alle persone Lgbt+ durante l’isolamento

La Rainbow Line in aiuto delle persone Lgbt+ chiuse in casa a causa del coronavirus.

26 marzo 2020

Effetto coronavirus: annullato l’Umbria Pride (e non sarà il solo)

Per la prima volta, sarebbe stato "Umbria Pride" e non più "Perugia Pride". Ma ieri…

26 marzo 2020

Quarantena e informazioni: 3 buone pratiche per affrontare il coronavirus

Attenzione alle informazioni che troviamo sul web: non tutte sono buone e rischiano di creare…

25 marzo 2020

Gestire la paura: i 10 consigli degli psicologi contro lo stress da coronavirus

Dieci buoni consigli per evitare di farsi prendere dal panico, durante l'emergenza da coronavirus.

24 marzo 2020

La cosa più difficile per un genitore? Spiegare ai nostri figli cosa sta succedendo là fuori

Cosa significa vivere in una famiglia arcobaleno, al tempo del coronavirus.

20 marzo 2020

#Fottiamoilcoronavirus: la campagna di CondividiLove sul sesso e il Covid-19

"A solito, di sesso non si parla mai". E l'emergenza Covid-19 non fa eccezione. Per…

19 marzo 2020