Categorie: News

Unioni civili, il garante del FVG: “Trieste discrimina le coppie gay”

Il comune di Trieste finisce sotto l’occhio del Garante del Friuli Venezia Giulia per le persone a rischio di discriminazione, Walter Citti, il quale si è espresso sulla delibera della Giunta comunale di Trieste – che mantiene distinte le celebrazioni tra matrimoni e unioni civili, riservando per queste ultime una sala a parte – ritenendola discriminatoria.

Il sindaco di Trieste, Di Piazza

Cosa dice il garante

Secondo il garante, infatti, la decisione è illegittima «in quanto in palese violazione della clausola generale di equivalenza» facendo presente che anche per le «unioni civili devono essere estese tutte le leggi e i provvedimenti amministrativi, e dunque anche quelli comunali, in materia di matrimonio». Per Citti, ancora, «per adeguarsi alla norma di legge nazionale, il Comune di Trieste dovrebbe semplicemente estendere anche alla costituzione delle unioni civili le norme previste dall’apposito regolamento comunale per la celebrazione dei matrimoni civili e relative deliberazioni giuntali relative a sedi e tariffario».

Un’immagine poco edificante

La decisione della Giunta di prevedere celebrazioni separate è dunque illecita e va ricordato anche che su provvedimenti analoghi, il Tar si è già espresso: respingendoli. A tal proposito, il Garante del FVG ha espresso profonda amarezza, in quanto il capoluogo della sua regione veicola un’immagine poco edificante per i diritti di tutta la cittadinanza agli occhi della società tutta. Intanto, guardiamo con attenzione alla recentissima approvazione dei decreti attuativi. Non sappiamo ancora se, anche in questo ambito, tali decreti faranno ulteriore chiarezza impedendo, dunque, interpretazioni arbitrarie da parte dei singoli sindaci. Staremo a vedere.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

L’appello disperato di Camilla, vittima di lesbofobia: “Possiamo fare qualcosa? Lo Stato non mi aiuta”

Si chiama Camilla Cannoni, a giudicare dalle foto che pubblica sui suoi social, è un'operatrice…

28 ottobre 2020

Legge Zan: Costa presenta di nuovo l’emendamento che fece infuriare la comunità LGBT+

La legge Zan torna questa mattina alla Camera dei Deputati. La discussione per l'approvazione del…

28 ottobre 2020

Legge Zan, Camera: respinte le pregiudiziali di costituzionalità

Superato uno dei primi scogli alla Camera. Prosegue il dibattito sulla legge Zan.

27 ottobre 2020

Legge Zan, domani si torna in aula: la maggioranza presenta 7 emendamenti

La maggioranza presenterà sette emendamenti alla legge Zan che ritorna in aula domani pomeriggio. "I…

26 ottobre 2020

Paura di volare: il libro che fa la storia della prima ondata femminista

Tornano i nostri "libri di fuoco", quei libri che ti toccano l'anima scaldandoli come una…

24 ottobre 2020

Bergoglio: “Sì alle unioni civili, gli omosessuali hanno diritto a essere famiglia”

«Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia» così papa Francesco.

21 ottobre 2020