Categorie: News

La Russia di Putin condannata dalla Corte Europea: ora dovrà risarcire le associazioni LGBT

La Corte europea dei diritti umani ha condannato la Russia per aver rifiutato di registrare lo statuto di tre associazioni con obietivo la difesa delle persone Lgbt+, considerandolo “ingiustificato” e “discriminatorio”, nonché “inaccettabile rispetto alla Convenzione dei diritti umani”

Le associazioni porterebbero alla “distruzione”

I querelanti sono tre organizzazioni russe, Rainbow House, Movement for Marriage Equality, Sochi Pride House, e i loro fondatori o presidenti. Tra 2001 e il 2006 le organizzazioni avevano varie volte richiesto di essere registrate legalmente, ma invano. Tra le ragioni addotte dalle autorità russe, ricorda la Corte nella sua decisione, il fatto che la promozione dei diritti delle persone Lgbt+ potrebbe comportare la “distruzione” dei “valori morali della società”, causare cali demografici o provocare “discordia sociale o religiosa”.

Mosca adesso costretta a pagare

Le decisioni delle autorità russe “motivate solo da considerazioni riguardanti l’orientamento sessuale sono inaccettabili” secondo la Convenzione europea dei diritti umani, come accaduto in questi casi, ha affermato il tribunale. Solo nel caso di uno dei querelanti sono state riconosciute anche altre motivazioni. Mosca è quindi stata condannata a versare un totale di 36mila euro ai tre richiedenti individuali per danni morali.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Torino candidata per ospitare l’Epoa 2021: la prima volta per una città italiana

L'annuncio da parte del Coordinamento Torino Pride. E c'è il supporto di Roma e Milano.

30 settembre 2020

Legge Zan, si comincia il 20 ottobre: “Approviamola il 22”

"La discussione inizierà il 20 ottobre per approvare la legge il 22". Così, durante una…

30 settembre 2020

“Non si può evitare di dire la verità quando si scrive”: in memoria di Delia Vaccarello

«Devi credere in quello che senti, vatti a prendere l’amore che ti aspetti. Non vista…

27 settembre 2020

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020