Categorie: NewsRainbow

Tutte le mobilitazioni italiane per le vittime di Orlando

La comunità lgbt italiana si mobilita in solidarietà alle vittime di Orlando e alle loro famiglie, per denuncire la violenza omofobica e l’orrore di quanto accaduto nella notte tra sabato e domenica al Pulse. A comunicarlo è Arcigay che con un comunicato stampa rende note le date e gli orari delle commemoriazioni: stasera a Milano (Largo Donegani, ore 20) e a Napoli (piazza della Repubblica, ore 20) sono già in corso le due commemorazioni annunciate davanti alla sedi diplomatiche degli Stati Uniti.

Il presidente del Coordinamento Torino Pride durante la commemorazione

Alle 18, inoltre, si è svolto a Torino un presidio convocato dalla città con il sostegno di tutte le associazioni del Coordinamento Torino Pride. A Pavia, invece, Arcigay “Coming-Aut” ha invitato in piazza i cittadini e le cittadine questa sera, alle 21, in piazza Duomo, mentre a Parma la chiamata è in piazza Garibaldi, dalle 21.

Domani sono in programma presidi a Bologna (ore 19.30 ai Giardini di Villa Cassarini), a Perugia (ore 21 in Piazza della Repubblica), a Vicenza (ore 21 piazza dei Signori), a Potenza (ore 20 in piazza della Prefettura), a Salerno (ore 20,30 in Piazza Portanova), e a Foggia (ore 20.30 in Piazza Giordano). A Brescia la città si raccoglierà giovedì sera alle 21 in piazza Vittoria, mentre alle 21,30, sempre giovedì sera, le vittime di Orlando saranno ricordate a Livorno, in terrazza Mascagni. Sabato 18 il ricordo della strage aprirà il primo Varese Pride, alle 17, con l’intervento del viceconsole della sezione Public Affairs del consolato USA di Milano. Quella stessa sera alle 20 un’altra commemorazione è in programma a Taranto, in Piazza Maria Immacolata. Infine il Salento Pride ricorderà le vittime a Gallipoli domenica alle 13 al Led café.

“È giusto che in tutto il mondo, perciò anche in Italia, la comunità lgbt reagisca all’odiosa tragedia di Orlando ribadendo la propria visibilità – commenta Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay -. In questo senso, non possiamo non aver notato la visibilità parziale che i media italiani hanno dato alla tragedia, svanita dai titoli di testa già dopo un giorno. Non solo: in pochi ma significativi casi, nemmeno i morti hanno fermato le solite penne intinte nello squallore, che sono state capaci di coniare titoli terribili su questa tragedia. E allo stesso modo non sono mancati gli omofobi rapaci, che hanno ritenuto perfino in questa occasione di dover esternare il loro odio, complice stretto dell’assassino”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020

Stonewall 50… in Poi: torna il festival Lgbt+ a Palazzolo Acreide

Torna il festival arcobaleno degli Iblei, l'11 agosto a Palazzolo Acreide in provincia di Siracusa.

31 luglio 2020

Guardami, nasce la campagna social per raccontare la comunità T

Dai moti di Stonewall a oggi ci hanno sempre mess* da parte, hanno sempre scelto…

31 luglio 2020

Quel dolore impigliato tra le pieghe del cuore: lettera a una madre

«Tante cose che prima non capivo, le ho capite soltanto diventando genitore anch'io».

31 luglio 2020