Categorie: News

Trump “riesamina” i diritti umani: una commissione mette a rischio Lgbt e donne

Presto arriverà una nuova Commissione sui diritti umani per definire i “diritti naturali”. Ad annunciarlo il Segretario di Stato, Mike Pompeo, nella giornata di ieri in conferenza stampa.

“Il riesame dei diritti inalienabili”

Una strategia, molto pericolosa, che punta a sgomberare il campo dai detrattori dell’amministrazione di Donald Trump, che denunciano l’inquilino della Casa Bianca di non tener conto dei diritti umani: “Cosa significa dire che cos’è, in realtà, un diritto umano” ha domandato Pompeo lunedì scorso al Dipartimento di Stato. “Come determiniamo cos’è un diritto umano e dovrebbe essere onorato tale?” ha chiesto: “Parole come ‘diritti’, che possono essere usate bene o male” ha aggiunto Pompeo. Il diplomatico ha annunciato che il comitato condurrà “uno dei più profondi riesami sui diritti inalienabili dalla Dichiarazione Universale del 1948”.

“No ai diritti dei gruppi di interesse”

«Non tutto ciò che è buono, o garantito dallo Stato, può essere un diritto universale». Il segretario poi ha aggiunto: «La causa dei diritti umani un tempo univa popoli di nazioni e culture diverse, nello sforzo di assicurare le libertà universali e combattere mali come il nazismo, il comunismo e l’apartheid. Oggi abbiamo perso questo focus. Le rivendicazioni dei diritti sono spesso mirate a soddisfare i gruppi di interesse e dividere l’umanità. Regimi oppressivi come l’Iran e Cuba si sono approfittati di questa richiesta cacofonica dei diritti, fingendo di essere protettori della libertà».

“Prima i diritti naturali”

Il vero scopo della Commissione invece è rilanciare i «diritti naturali», parola in codice usata per indicare quelli tradizionali, e penalizzare quelli moderni come l’aborto o quelli Lgbt. Tutto è rintracciabile in un questa frase pronunciata da Pompeo: «Parole come “diritti” – ha infatti sottolineato Pompeo – possono essere usate dal bene o dal male. Alcuni hanno dirottato la retorica dei diritti umani per impiegarla a scopi dubbi o maligni».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Italia Viva: “Il ddl Zan è da modificare”. E ora la legge è a rischio

La legge contro l'omobilesbotransfobia, la misoginia e l'abilismo rischia di saltare al Senato. Ecco perché.

21 aprile 2021

Ddl Zan ancora al palo: Ostellari tira in ballo la maggioranza di governo

E' ancora fumata nera sulla calendarizzazione del ddl Zan in Commissione Giustizia del Senato. L'ufficio…

20 aprile 2021

#diamociunamano, la campagna di Vanity Fair che travolge e dice sì alla legge Zan

Adesioni anche non scontate, ma sicuramente un punto a favore del ddl contro l'omo-transfobia.

17 aprile 2021

Il Senato dice sì alla cittadinanza italiana per Patrick Zaki

Con 208 sì, nessun contrario e 33 astenuti, il Senato ha detto sì alla cittadinanza…

14 aprile 2021

Legge Zan: Casellati firma per abbinare tutti i disegni di legge in Commissione Giustizia

L'agenzia di stampa AdnKronos riferisce che la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, ha…

13 aprile 2021

Persi milioni di euro e ridicolizzata dall’Europa: il destino Krasnik, città libera dall’ideologia Lgbt

Il sindaco si dice pentito, ma non riesce a ritirare la dichiarazione per l'opposizione dei…

13 aprile 2021