Categorie: News

Irlanda del Nord, giornata storica: primo sì a matrimonio egualitario e aborto

Sono stati approvati ieri dai parlamentari del Regno Unito due importanti provvedimenti per i diritti delle persone Lgbt e delle donne in Irlanda del Nord. Il primo vuole estendere anche in quella regione il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Il secondo apre l’accesso all’aborto.

La mozione

I provvedimenti sollecitano il governo centrale di Londra a legiferare per la liberalizzazione dell’aborto e del matrimonio egualitario in territorio nordirlandese se entro il 21 ottobre a Belfast non vi sarà un nuovo governo locale. La mozione, promossa dall’opposizione laburista, è stata approvata trasversalmente e salutata come un successo anche dalla ministra Tory della Difesa, Penny Mordaunt. Contraria la destra unionista protestante del Dup.

L’opportunità in mancanza di un governo

In Irlanda del Nord – a differenza degli altri territori del Regno Unito – il matrimonio tra persone dello stesso sesso non è consentito e l’interruzione di gravidanza è fortemente limitata. Si tratta di materie di competenza locale su cui finora ha pesato il veto del Dup. Ma la mancanza di un governo a Belfast – dove l’accordo di unità nazionale fra unionisti e repubblicani è saltato nel 2017 e non è stato finora ricucito – ha reso necessario l’intervento legislativo di Westminster per garantire la continuità delle istituzioni nordirlandese. Questo ha aperto uno spiraglio per intervenire anche su questi temi.

La finestra del 21 ottobre

La mozione dovrà comunque essere approvata anche dalla Camera dei Lord prima di entrare in vigore. Sarà operativa solo se lo stallo di Belfast si protrarrà fino al 21 ottobre. Anche in quel caso il potere di legiferare spetterà del resto al governo britannico. Entrambi i candidati alla successione di Theresa May – Boris Johnson e Jeremy Hunt – hanno già fatto sapere di non voler forzare la mano.
I due provvedimenti, coronamento di lunghe campagne portate avanti dai laburisti, hanno ricevuto rispettivamente 383 sì e 73 no, 332 sì e 99 no. «Un giorno storico», hanno commentato in molti.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020