Categorie: Video

Essere trans non è una malattia: un video da vedere tutto d’un fiato

Si è celebrata sabato la giornata per la depatologizzazione della transessualità. Essere trans non è una malattia e la comunità transgender di tutto il mondo si batte perché questo principio venga adottato dall’OMS e dalla comunità scientifica internazionale, com’è stato, trent’anni fa per l’omosessualità.
In occasione dell’evento internazionale, TGEU – Transgender Europe e ILGA-Europe hanno diffuso il video qui di seguito che spiega molto bene quali sono le istanze delle persone transgender. Dopo il video, la traduzione del testo.

Oggi, sabato 22 ottobre 2016 è la “Giornata Internazionale per la Depatologizzazione delle Persone Trans”.
Significa smettere finalmente di vedere le identità trans come un disturbo mentale e riconoscerla come parte integrante delle esperienze umane in tutta la loro diversità.
Oggi, come ogni altro giorno, vogliamo celebrare la ricchezza e la diversità delle identità trans.
L’attuale classificazione internazionale delle malattie dell’OMS, la ICD 10, è stata adottata nel 1990 classifica l’identità trans come disturbo mentale e del comportamento.
Nel 2018, la ICD 10 sarà sostituita dalla nuova ICD 11. Dopo quasi una decade di campagne di attiviste/i e lavoro di avvocatura, l’Organizzazione Mondiale della Sanità sta finalmente per rimuovere le identità trans dai disturbi mentali.
Noi continuiamo a lottare perché avvenga questa rimozione, ma allo stesso modo chiediamo che venga abbattuto ogni forma di stigma, discriminazione e violenza.
Non c’è spazio per il compiacimento. Nonostante sembri esserci consenso nella rimozione del disturbo dell’identità di genere dalla ICD 11, l’Assemblea Mondiale della Sanità dovrà approvarlo ufficialmente con un voto che è provvisoriamente in programma per maggio 2018.
Fino ad allora, dobbiamo continuare a mantenere alta la tensione.
Mettere le categorie correlate al transgenderismo al di fuori del capitolo dei disturbi mentali e del comportamento non è abbastanza.
I ministri della sanità e l’OMS devono assicurarsi che le persone transessuali abbiano accesso ad adeguata assistenza medica e psicologica di alta qualità, a prezzi accessibili.
Questo sarebbe un ulteriore passo avanti nella depatologizzazione delle persone trans.
Più importante ancora è che i diritti dei bambini devono essere al centro del processo di revisione.
Il testo attuale della ICD 11 parla di “incongruenza di genere in età evolutiva”.
Questa definizione deve essere rimossa completamente: non è necessaria alcuna diagnosi per i/le bambini/e. La varianza di genere nell’infanzia non richiede alcun intervento medico.
L’unica cosa che un/a bambino/a necessita è un ambiente che faccia da supporto, a casa e a scuola, dove possa esplorare le propria identità.

ANNUNCIO: Gaypost.it è candidato ai Macchianera Internet Awards (gli Oscar della Rete) come miglior sito LGBT del 2016. Se ti piacciono i nostri articoli, puoi votarci compilando il form che trovi a QUI. ATTENZIONE: perché il voto sia valido bisogna votare per almeno 10 categorie e inserire un indirizzo email valido. Grazie per il supporto!

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020