Categorie: News

Taiwan, 130.000 al pride in attesa del referendum sul matrimonio

In 130.000 hanno manifestato – ieri a Taipei, la capitale di Taiwan – per il pride dell’isola dell’estremo oriente. Manifestazione che quest’anno ha un grande valore rivendicativo, in quanto arriva dopo la sentenza dello scorso anno, in cui la Corte Costituzionale ha detto sì al matrimonio egualitario e prima del referendum, che si terrà solo il mese prossimo, a fine novembre.

In attesa del referendum di novembre

Manifestanti pro-matrimonio

Taiwan si candida, così, ad essere il primo paese asiatico in cui potrebbe essere approvato il matrimonio per le persone dello stesso sesso. Eppure, nonostante il pronunciamento della Corte suprema taiwanese, pochi passi sono stati fatti per allargare i diritti delle persone Lgbt in materia affettiva. Per questa ragione è stato convocato un referendum, che si terrà nell’isola il prossimo 24 novembre. Il pride di ieri è servito a sensibilizzare l’opinione pubblica su questo tema.

La sentenza della corte di Taiwan

La sentenza della Corte Costituzionale aveva stabilito che le leggi taiwanesi per cui il matrimonio è possibile solo tra un uomo e una donna, sono incostituzionali. I giudici hanno concesso al parlamento due anni per porre rimedio e cambiare le leggi. Era il 2017, la legge dovrebbe essere pronta – quindi – per l’anno prossimo, ma appunto ancora insufficienti sono stati i passi fatti in tale direzione. Il pride dell’isola, ricordiamo, è il più grande dell’Asia. Non resta che incrociare le dita e attendere che le cose vadano per il meglio.

 

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020