Categorie: News

Svizzera, il referendum di populisti e centristi contro la legge anti-omofobia

Sotto assedio la legge contro l’omofobia approvata in Svizzera lo scorso 14 dicembre, estendendo la norma contro il razzismo anche ai crimini legati all’orientamento sessuale. Esponenti dell’Unione Democratica Federale (Udf, conservatori populisti) e dell’Unione Democratica di Centro (Udc, partito di centrodestra sovranista) hanno pensato, tuttavia, di indire un referendum contro la nuova normativa e hanno tempo fino al prossimo 7 aprile per raccogliere cinquantamila firme necessarie ad avviare la consultazione popolare. Le motivazioni per cui i le forze populiste e sovraniste si sono scagliati contro la legge è perché minaccerebbe la libertà di espressione in Svizzera.

Le ragioni di destra e conservatori

Roman Heggli

Samuel Kullmann, il portavoce del comitato referendario e membro dell’Udf, parla addirittura di censura e paventa che anche la più piccola offesa possa essere sanzionata dal codice penale: «Il diritto fondamentale alla libertà d’espressione non può essere sacrificato sull’altare di un “diritto a non essere insultati”» ha affermato. Le motivazioni sono a dir poco assurde: «Gay e lesbiche devono sopportare anche opinioni che danno fastidio, come noi tutti» sono le parole dell’esponente politico. Mentre per le aggravanti su aggressioni e offese gravi, sostiene che l’ordinamento svizzero ha già tutte le leggi che servono. Non c’è bisogno dunque di normative ad hoc. Un copione già visto anche da noi, ai tempi della legge Scalfarotto.

Le associazioni: “Vogliono discriminare restando impuniti”

Non ci stanno le associazioni Lgbt locali, come Pink Cross. Il portavoce Roman Heggli infatti ha espresso parole durissime contro questo tentativo di affossare la legge: «Questo referendum omofobo arriva tutto da destra, a questa gente interessa solo poter continuare a discriminare impuniti gli omosessuali e attizzare l’odio» ha dichiarato. Heggli ricorda, per altro, che la legge non punisce le battute o le opinioni personali, ma le discriminazioni e l’incitamento all’odio. Facendo notare, ancora, quella che dovrebbe essere un’evidenza: «La denigrazione di gay e lesbiche, del resto, non è un’opinione, ma solo omofobia».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020