Categorie: NewsVideo

Un mondo senza educazione sessuale, lo spot del Salone erotico fa discutere

La nuova edizione Salone erotico di Barcellona non è ancora iniziata ma sta già facendo parlare di sé. Al centro del dibattito, lo spot “Senza educazione sessuale”.
Accompagnato dalle note di Beethoven, il monologo denuncia una semplice ma drammatica verità: “In una società senza educazione sessuale, il porno è il tuo libro di istruzioni“. Grazie alla pornografia -spiega la protagonista- “non solo hai imparato a scopare”, ma anche che ha una scollatura “ha fame di ca**o”, che “senza soffocamento non c’è pomp*no”, che una donna ubriaca “è un’opportunità”, “che se lei non oppone resistenza non è stupro”. In un mondo come questo, “Il porno sessista -prosegue il monologo- continuerà ad essere l’unico tipo di educazione sessuale a cui tuo figlio e tua figlia parteciperanno”.
Per questo, secondo gli organizzatori, se chi di dovere non promuove l’educazione sessuale verso i più giovani, la responsabilità sociale ricade nelle mani di chi certi contenuti li produce, l’industria pornografica. “In una società senza educazione sessuale -conclude la protagonista- è necessario che il porno cambi“.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020