Categorie: News

Sposati o uniti civilmente? In Europa stesse regole sul patrimonio comune

Un accordo tra 17 stati membri dell’UE per permettere alle coppie sposate o unite civilmente (quindi, indipendentemente dal loro orientamento sessuale) di avere lo stesso regime patrimoniale a prescindere da dove si sono sposati, da dove abitano e da dove acquistano beni. È questa la proposta del Consiglio europeo che autorizza una “cooperazione  rafforzata” e che è stata approvata oggi dalla commissione Politiche europee del Senato. Un accordo che, però, non è piaciuto alla senatrice del M5S Fattori che si è astenuta, cosa che al Senato corrisponde al voto contrario.

Il testo, la cui relatrice per l’Italia è la senatrice Nadia Ginetti del Pd, coinvolge Svezia, Belgio, Grecia, Croazia, Slovenia, Spagna, Francia, Portogallo, Italia, Malta, Lussemburgo, Germania, Repubblica Ceca, Paesi Bassi, Austria, Bulgaria e Finlandia. La proposta avrebbe dovuto coinvolgere tutti gli stati membri, ma quelli che non hanno leggi che riconoscono le coppie gay e lesbiche hanno opposto resistenza portanto, quindi, ad una “cooperazione rafforzata a 17.
Il testo entrerà in vigore una volta che tutti i 17 stati in questione avranno dato parere positivo e che la Commissione Europea l’avrà varato. Da quel momento, una coppia sposata o unita civilmente, sarà soggetta alla stessa legge sul patrimonio comune anche se si tratta di cittadini italiani, sposati in Spagna e che comprano una casa in Portogallo, per fare un esempio.

Un provvedimento, dunque, che va nella direzione di garantire gli stessi diritti, anche dal punto di vista patrimoniale, alle coppie di cittadini europei su tutto il territorio dell’Unione. O, almeno, su quello dei 17 stati che aderiscono.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020