Categorie: News

Addio a Karl Lagerfeld inaccessibile e iconico: matrimoni, figli e solitudine? Lui la pensava così

Lo stilista Karl Lagerfeld è morto oggi all’età di 85 anni, secondo quanto riferisce la stampa francese. Il sarto, stilista e fotografo tedesco era malato da diverse settimane. Celebre per i suoi abiti, era direttore creativo di Chanel, di Fendi.
L’uomo di cui nessuno ricorda di avere mai visto il collo (dopo l’anno in cui perse quarantadue chili in tredici mesi) riteneva che i pantaloni da jogging fossero un segno di sconfitta: “Hai perso il controllo della tua vita. Quindi esci in pantaloni da jogging”.

Inaccessibile dietro i suoi iconici occhiali neri ha sempre mantenuto un certo riserbo sulla propria vita privata. Nel 2013, durante la sfilata di Chanel per la collezione primavera-estate, fece sfilare due modelle in abiti nuziali, il tutto per rappresentare la polemica in Francia sulla legge sui matrimoni,.
Uno spiraglio sulla vita del genio della moda arriva nel 2015 grazie un’intervista per Vanity Fair dove commenta la vita coppia, la genitorialità e la solitudine.

Ecco alcuni passaggi:

 

Non ha mai avuto voglia di dividere la sua casa con un compagno?
«No no no no. Non ho mai amato quel tipo di promiscuità, eh? Anche quando qualcuno mi piaceva davvero, non abbiamo mai vissuto sotto lo stesso tetto. Non ho niente contro i matrimoni, ma non fanno per me».

 

 

E di diventare padre?
«No no no no. Ho bisogno del mio spazio e del mio tempo, e non voglio la responsabilità, preferisco essere il padrino ricco, ma poi i bambini tornano a casa dai genitori. Quelli come me non possono avere figli. Li vizierei a morte, li tratterei come Choupette, che è il centro della casa. E Choupette ha pranzato, e Choupette ha dormito, e Choupette ha fatto la pupù: grottesco. Ho messo da parte dei soldi per lei: dovesse succedermi qualcosa, chi la avrà in custodia disporrà di tutte le risorse per trattarla bene. E altri soldi li ho donati alla fondazione di Brigitte Bardot, perché non tutti i gatti hanno la fortuna di Choupette. Le due signore che se ne occupano la coccolano in modo anche esagerato, con baci, abbracci, che non sono neanche sicuro le piacciano. Io infatti non lo faccio. Però le permetto di dormire sul mio cuscino. E a volte non posso muovermi perché ha preso tutto lo spazio».

 

 

La solitudine non le pesa?
«La solitudine è brutta se stai male, se non hai di che vivere. Altrimenti è un lusso. A me serve a ricaricare le batterie lontano da tutti. Lo so che sembro un cartoon, ma non sono un cartoon pubblico».

 

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020