Categorie: News

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva: non servirà il ricovero per assumerla. Smentita, così la posizione della presidente dell’Umbria Donatella Tesei.
Il Consiglio Superiore di Sanità ha risposto alla richiesta di una valutazione giunta dal ministro Speranza.
“Le evidenze scientifiche sono molto chiare – ha dichiarato Speranza a Repubblica – il Consiglio Superiore di Sanità e le società scientifiche hanno espresso un parere favorevole univoco. Queste nuove linee guida sono un passo avanti importante e rispettano pienamente il senso della legge 194, che è e resta una norma di civiltà nel nostro paese”.

Superato il limite delle 7 settimane

Adesso manca solo una verifica dell’Agenzia italiana del farmaco, che dovrebbe essere una formalità. Il Consiglio Superiore di Sanità indica anche che l’aborto farmacologico può essere praticato fino a 63 giorni di gestazione. Si supera, così, supera la limitazione di 7 settimane in vigore finora.
Le donne che intendono fare ricorso alla Ru486 possono rivolgersi al consultorio o ad un ambulatorio. Lì potranno accedere al farmaco senza ricovero e tornare a casa mezz’ora dopo la somministrazione. Bisognerà, poi, sottoporsi ad una visita di controllo 2 settimane dopo l’assunzione.
Gli esperti del ministero sconsigliano l’assunzione dalla pillola abortiva a donne molto ansiose, con una bassa soglia di sopportazione del dolore o che vivono in condizioni igieniche precarie.

Il caso Tesei e la risposta di Speranza

Il tema era tornato all’ordine del giorno a giugno fa quando la Regione Umbria aveva imposto il ricovero in ospedale alle donne che volevano fare ricorso alla Ru486. La decisione della presidente Tesei aveva suscitato polemiche e proteste, non solo in Umbria. Da lì, la decisione di Speranza di chiedere una valutazione al Consiglio Superiore di Sanità, arrivata oggi.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020