Categorie: News

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>”Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini”. E’ l’appello disperato di Ilga Europe alla lice delle violenze della polizia contro la comunità LGBT+ in Polonia.
“Dopo due anni in crescendo – denuncia l’associazione internazionale – il culmine è stato raggiunto ieri, 7 agosto, a Varsavia”.

La manifestazione in Polonia

Nella capitale polacca, infatti, si è svolta una manifestazione spontanea per protestare contro la “detenzione preventiva” imposta ad un’attivista lgbt+, Margot Szutowicz.
La polizia ha arrestato oltre 50 persone ed ha usato la violenza per reprimere la manifestazione. Questo non ha fermato la comunità che è pronta a scendere nuovamente in piazza.

Da due anni, un crescendo

Ilga Europe denuncia che dal 2018 si registra un aumento cruento e graduale delle violenze e dell’intolleranza contro la comunità gay, lesbica, bisessuale, trans polacca. E l’odio è diventato il carattere distintivo della campagna elettorale del neo eletto presidente della Polonia, Duda.
Solo nell’ultimo anno, ricorda Ilga, oltre 100 municipalità si sono dichiarate “zone senza lgbt” e hanno adottato politiche esplicitamente discriminatorie.

In Polonia negato il diritto di esistere

L’allarme di Ilga è drammatico. “Alle persone lgbt+ viene negato il diritto all’esistenza” dichiara Björn van Roozendaal, dirigente dell’associazione secondo cui non c’è accesso ad una giustizia equa. “In una situazione come questa – prosegue van Roozendaal – le proteste sono inevitabili e possono essere considerate come provocate proprio dall’incapacità del governo di tutelare i diritti fondamentali. Non dimentichiamo che questo sta succedendo in uno stato dell’UE dove i diritti fondamentali sono chiaramente codificati dalla legge”.

Intervenga l’Europa

Per questo Ilga chiama in causa l’Unione Europea, il Consiglio europeo e le Nazioni Unote per porre fine alle violenze, alla detenzione arbitraria e alla continua violazione dei diritti umani più basilari a cui è sottoposta la comunità lgbt polacca.

(Foto pubblicate dalla Campagna contro l’omofobia – Kampania Przeciw Homofobii, KPH)

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020