News

In piazza per sostenere la legge Zan, ma senza compromessi al ribasso

“Sì alla legge Zan, ma senza compromessi al ribasso”. E’ questo il nocciolo dell’appello alla mobilitazione lanciato da un gruppo di associazioni, collettivi, centri antiviolenza e consultori, studenti, singole e singoli. Insieme hanno indetto un presidio per giovedì 16 luglio alle 17 a Piazza Santi Apostoli, a Roma.
In piazza, dunque, “con un presidio di festa, musica, lotta per dire che la legge Zan contro le discriminazioni basate su sesso, genere, orientamenti sessuali e identità di genere va approvata, senza alcun compromesso al ribasso”, si legge in una nota delle organizzatrici e degli organizzatori. Lo slogan della manifestazione è “Molto più di Zan!”

La locandina dell’evento

Dall’altra parte dei “no gender”

“Scenderemo in piazza in contemporanea ai “no gender” che saranno a Montecitorio – spiegano -, gli stessi che attaccano il diritto all’aborto, l’educazione sessuale e all’affettività nelle scuole e il riconoscimento di legami familiari fuori dallo schema di famiglia etero-patriarcale. La legge va approvata e non accetteremo compromessi al ribasso e giochi di scambio politici e partitici. E’ un buon punto di partenza, ma non basta”.

Oltre la legge Zan

“Non basta il diritto penale per risolvere problemi di natura prima di tutto sociale e culturale – si legge ancora nella nota -. L’omo-lesbo-bi-trans-intersex-afobia e il sessismo sono fenomeni che si affrontano con politiche sociali, con l’educazione sessuale e all’affettività nelle scuole di ogni ordine e grado, con fondi a sufficienza per centri antiviolenza e case rifugio autonome per donne e soggettività LGBTQIA+, con politiche di contrasto all’esclusione dal lavoro”.

Le persone trans e la genitorialità

E ancora, la piazza del 16 chiede che un intervento “sulla legge 164/1982 sulla rettificazione anagrafica del sesso, eliminandone gli aspetti patologizzanti”. Serve, per i promotori, “vietare per legge le cosiddette “terapie di riconversione” e l’assegnazione genitale alla nascita per le persone intersex. Inoltre, vogliamo il pieno riconoscimento della genitorialità per tutte e tutti”.

“Scendiamo in piazza per dire con i nostri corpi che il sesso non è un destino e che le nostre vite contano – conclude la nota -, rivendicando la dignità di ogni identità di genere fuori dal binarismo”.
Nel rispetto delle norme anti-Covid19 durante il presidio saranno rispettare le distanze interpersonali e l’obbligo di mascherina.
“Sarà comunque una piazza festosa, irriverente, con musica e performance” assicurano.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023

La storia di Andrea, in riva al mare di Sicilia, per raccontare la realtà queer

Una storia che parla di libertà e scoperta di sé. È questa la "poetica" –…

26 Ottobre 2023

LottoxMile, la raccolta fondi per aiutare Milena Cannavacciuolo

«Siamo le amiche e la compagna di Milena. Questo è un appello d’amore per Milena.…

24 Ottobre 2023

Gianni Vattimo, addio al filosofo del “pensiero debole”

È morto ieri in tarda serata, a 87 anni, il filosofo Gianni Vattimo. Una delle…

20 Settembre 2023

Arim 2023, a parco Sempione a Milano la lotta all’HIV a suon di musica

Si terrà il 19 settembre 2023, a Milano, all'Arena Civica di Parco Sempione. Stiamo parlando…

18 Settembre 2023

Cosa significa far parte della comunità Lgbt+

In questi giorni ha fatto scalpore, su ciò che resta di Twitter, lo stato di…

16 Agosto 2023