I Sentinelli lanciano le Balconiadi: protesta pacifica contro il sovranismo

Il 19 ottobre, data fissata da Salvini e dai sovranisti italiani per una grande manifestazione di piazza contro il Conte bis si avvicina e I Sentinelli di Milano lanciano una pacifica controffensiva: le Balconiadi.

GLI STRISCIONI DI MAGGIO

Durante la campagna elettorale per le scorse europee sui balconi di mezza Italia erano apparsi striscioni contro Salvini e contro la Lega. Una protesta, anche quella volta pacifica, che era spesso sfociata nella rimozione forzata dei suddetti striscioni da parte delle Forze dell’ordine. Anche da abitazioni private.
Per rispondere in maniera altrettanto pacifica I Sentinelli hanno invitato i romani – Roma sarà la sede della manifestazione sovranità del 19 – a tappezzare la città di striscioni.

BALCONIADI

L’iniziativa è stata battezzata “Balconiadi” e sono gli stessi Sentinelli, dalla loro pagina, a dare qualche idea su quelli che potrebbero essere i contenuti degli striscioni. Le parole chiave saranno infatti “accoglienza”, “prima le persone”, “diritti”, “omofobia”. Ogni parola dovrà essere preceduta da “#ParlateciDi”, chiaro riferimento alla campagna mediatica messa in atto dopo l’apertura dell’indagine sull’affido illecito di minori di Bibbiano.

L’APPELLO SUI SOCIAL

La campagna è stata lanciata questa mattina sulla pagina social de I Sentinelli, pagina che conta 180mila supporter.

Luca Paladini, tra i fondatori de I Sentinelli e portavoce, ha raccontato a Repubblica le Balconiadi, dicendo che «Sarebbe bello esportare l’esperimento delle “balconiadi” in tutto il Paese proprio nei giorni della manifestazione sovranista di sabato. Un modo di esprimere il dissenso originale e libero dove ciascuno scatena la propria fantasia e usa il proprio balcone o la propria finestra come palco. Per mostrare che c’è da nord a sud una Italia diversa da quella dei porti chiusi e che sclera per le ricette dei tortellini».
Paladini ha aggiunto: «Lanciamo una nuova risposta di lotta e di balcone. Dichiariamo come la pensiamo e quello che desideriamo su striscioni, lenzuola, disegni da stendere ai nostri balconi, ma vanno bene pure finestre e terrazzi. Facciamolo in tutta Italia! Posteremo le voste foto ma sarà necessario che aggiungiate l’hashtag #parlatecidi. Inserite anche città e via».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Presunta omofobia in una scuola di Ragusa: cosa sappiamo del caso

"Gay e lesbiche andrebbero esorcizzati", frase choc in una scuola nel ragusano.

23 febbraio 2021

Omofobia, insultato nella sua casa di campagna: la denuncia dello scrittore Mandetta

Lo scrittore pubblica la sua foto in lacrime, dopo gli insulti ricevuti nel suo podere…

22 febbraio 2021

Famiglie Arcobaleno contro Raggi: “Costretti a mentire, per iscrivere i bimbi a scuola”

Il sistema informatico di Roma Capitale non dà la possibilità di inserire i nomi di…

17 febbraio 2021

Cosa ha detto Draghi sulle politiche di genere nel suo discorso per la fiducia

Il neo presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha pronunciato oggi al Senato il discorso con…

17 febbraio 2021

La Corte d’Appello assolve Pillon: “Attacchi all’associazione lgbt non sono reato”

La Corte d'Appello di Perugia ha ribaltato la sentenza di primo grado con la quale…

15 febbraio 2021

Governo Draghi, agli Affari giuridici nominato giudice contrario al matrimonio egualitario

Una nomina che fa discutere, per le idee di Carlo Deodato sul matrimonio egualitario.

15 febbraio 2021