Categorie: News

Se negli Usa esistono ancora leggi contro la sodomia

Negli Stati Uniti leggi contro la sodomia sono ancora presenti in 12 stati. La Corte suprema, però, le ha dichiarate incostituzionali nel 2003.

LOUSIANA

In Lousiana, per esempio, esiste ancora una legge vecchia 214 che vieta “rapporti carnali innaturali con persone dello stesso sesso”. Per questo, alla parata New Orleans’ Southern Decadence più di cento persone hanno sfilato travestite da poliziotti, politici e predicatori: proprio per protestare contro questa legge. Queste leggi colpiscono spesso sex worker, soprattutto transessuali e di colore.

UNA LEGGE VECCHIA 214 ANNI

La legge della Louisiana è talmente vaga che è stata – e viene – applicata a diversi reati di natura sessuale e non solo quelli aventi per oggetto al sodomia. Dodici uomini sono stati arrestati sei anni fa, anche se le accuse sono poi cadute in tribunale.
Resta che la legge della Louisiana consenta alla polizia di avere uno strumento per molestare e perseguitare le persone quel, causando loro perdita di soldi, tempo, reputazione, senza considerare le questioni legali che possono mettere a repentaglio le loro vite.

LA CORTE SUPREMA

Queste leggi, però, non sono costituzionali e l’ha deciso la Corte Suprema. Era il 2003 e chiamata a giudicare nel caso Lawrence contro il Texas ha sancito che le leggi anti-sodomia sono intrusioni incostituzionali nella vita privata dei cittadini e nelle attività sessuali di adulti consenzienti che nulla hanno a che vedere con lo stato. In soldoni: non hanno nessun interesse per lo Stato. Non solo, la Corte ha anche sancito che queste leggi contro uomini gay o bisessuali violano l’Equa Protection Clause della Costituzione che garantisce un equa e giusta applicazione della legge a prescindere dal genere.

GLI ALTRI STATI

Non solo la Louisiana, ma anche Alabama, Idaho, Kansas, Michigan, Mississippi, North Carolina, South Carolina, Texas e Utah. Perché queste leggi, nonostante la sentenza della Corte suprema, non vengono abolite? Perché i gruppi antagonisti ai movimenti Lgbt+ non solo usano queste come “prova” di un supposto supporto agli stati che condannano l’omosessualità, ma anche per non sentirsi tacciati di essere a favore della sodomia. Fatta la legge, trovato l’inganno.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020

Stonewall 50… in Poi: torna il festival Lgbt+ a Palazzolo Acreide

Torna il festival arcobaleno degli Iblei, l'11 agosto a Palazzolo Acreide in provincia di Siracusa.

31 luglio 2020

Guardami, nasce la campagna social per raccontare la comunità T

Dai moti di Stonewall a oggi ci hanno sempre mess* da parte, hanno sempre scelto…

31 luglio 2020

Quel dolore impigliato tra le pieghe del cuore: lettera a una madre

«Tante cose che prima non capivo, le ho capite soltanto diventando genitore anch'io».

31 luglio 2020