Categorie: News

Risoluzione dell’Ue contro le persecuzioni in Cecenia: “Liberi i prigionieri subito”

Votata oggi al Parlamento Europeo la proposta di risoluzione 2017/2688 (RSP) “sull’applicazione degli orientamenti del Consiglio per le persone LGBTI, in particolare in relazione alla persecuzione di (presunti) uomini omosessuali in Cecenia, Russia”.

Cosa dice la risoluzione

Come possiamo leggere nel documento approvato, l’Unione Europea «esprime profonda preoccupazione per le segnalazioni di detenzioni arbitrarie e torture di uomini percepiti come omosessuali nella Repubblica cecena, nella Federazione russa» e «invita le autorità a porre fine a questa campagna persecutoria, a rilasciare senza indugio quanti siano ancora illegalmente detenuti, a garantire protezione giuridica e fisica alle vittime, nonché ai difensori dei diritti umani e ai giornalisti che hanno lavorato a questo caso». Si auspica, inoltre, di permettere alle organizzazioni internazionali per i diritti umani di fare piena luce sulla vicenda, attraverso le dovute indagini.

Le critiche a Putin e ai leader ceceni

Nella risoluzione da una parte si prende atto che «Putin ha incaricato il ministero russo dell’Interno e il procuratore federale di indagare su quanto accaduto» nella piccola repubblica caucasica, invitando «la Commissione, gli Stati membri e il Consiglio d’Europa a fornire sostegno materiale e consulenza alle autorità russe nell’ambito di tali indagini»; dall’altra si condannano le dichiarazioni delle autorità cecene contro le persone Lgbt, «che tollerano o incoraggiano la violenza» e anche quella «del portavoce del governo ceceno che nega l’esistenza di omosessuali». Nel documento, ancora, si chiede l’immediato rilascio di tutti i prigionieri.

Le dichiarazioni di Viotti

Esultano i nostri politici intanto. L’europarlamentare Daniele Viotti, dopo aver esposto il suo discorso in parlamento, ha dichiarato su Facebook: «Attaccare e discriminare una donna, un migrante, una persona LGBTI equivale ad attaccare e discriminare l’idea stessa di Europa. E agli attacchi si risponde in modo fermo e deciso». La votazione è stata fatta per alzata di mano, per cui risulta difficile al momento capire come si sono comportati i nostri europarlamentari. Da fonti interne al Parlamento Europeo pare, tuttavia, che almeno la delegazione del Pd abbia votato compatta, cattolici inclusi.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Non si può evitare di dire la verità quando si scrive”: in memoria di Delia Vaccarello

«Devi credere in quello che senti, vatti a prendere l’amore che ti aspetti. Non vista…

27 settembre 2020

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020