Categorie: News

Matrimonio solo “tra uomo e donna”. Referendum in Romania con l’appoggio della Chiesa

Il 6 e 7 ottobre 2018 in Romania si terrà un referendum per vietare costituzionalmente il matrimonio egualitario. A promuoverlo Coalitia Pentru Familie, “Coalizione per la famiglia”, organizzazione che ha raccolto tre milioni di firme per sbarrare le porte ad eventuali futuri interventi legislativi a favore delle coppie dello stesso sesso.

Attualmente il comma 1 dell’articolo 48 della carta costituzionale recita “La famiglia è fondata sul matrimonio libero e consensuale tra gli sposi”. Frase troppo vaga per i promotori che intendono modificarla usando la formula “tra uomo e donna”. Se al giorno d’oggi non esistono né il matrimonio né le unioni civili tra persone dello stesso sesso, l’approvazione del referendum coronerebbe lo status quo rendendo sostanzialmente impossibile per un futuro governo aprire ai diritti per le coppie same sex.

Una campagna referendaria (quasi) senza oppositori

Approvato dalla Camera nel maggio 2017 e pochi giorni fa dal Senato romeno, sempre con una larghissima maggioranza, il referendum ha potuto contare fino ad oggi di un appoggio politico pressoché indisturbato. Fra le forze politiche romene solo il presidente Klaus Iohannis e l’Unione Salva Romania (USR), partito d’opposizione si sono schieratati contro la modifica costituzionale. Fuori dal Parlamento, il referendum vanta il benestare della Chiesa ortodossa, di quella cattolica e di quella copta.

Inascoltati gli appelli di Amnesty: “Rischia di incoraggiare la discriminazione”

Per Amnesty International, inserire il divieto costituzionale alle unioni dello stesso sesso incoraggia l’omofobia e “viola le norme internazionali in materia di diritto dell’uomo”. “Il referendum previsto -denuncia Barbora Cernusakova, rappresentante di Amnesty per l’Europa- rischia di introdurre restrizioni ulteriori alla vita quotidiana delle coppie omosessuali e di incoraggiare la discriminazione”. Si tratta “di un evidente passo indietro per la Romania”, sentenzia Cernusakova.
Nonostante gli appelli di Amnesty e delle associazioni Lgbt+, la Corte Costituzionale romena ha dichiarato legittimo il referendum. Perché la votazione sia valida è sufficiente la partecipazione del 30% degli aventi diritto.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023

La storia di Andrea, in riva al mare di Sicilia, per raccontare la realtà queer

Una storia che parla di libertà e scoperta di sé. È questa la "poetica" –…

26 Ottobre 2023

LottoxMile, la raccolta fondi per aiutare Milena Cannavacciuolo

«Siamo le amiche e la compagna di Milena. Questo è un appello d’amore per Milena.…

24 Ottobre 2023

Gianni Vattimo, addio al filosofo del “pensiero debole”

È morto ieri in tarda serata, a 87 anni, il filosofo Gianni Vattimo. Una delle…

20 Settembre 2023

Arim 2023, a parco Sempione a Milano la lotta all’HIV a suon di musica

Si terrà il 19 settembre 2023, a Milano, all'Arena Civica di Parco Sempione. Stiamo parlando…

18 Settembre 2023

Cosa significa far parte della comunità Lgbt+

In questi giorni ha fatto scalpore, su ciò che resta di Twitter, lo stato di…

16 Agosto 2023