Categorie: News

Matrimonio solo “tra uomo e donna”. Referendum in Romania con l’appoggio della Chiesa

Il 6 e 7 ottobre 2018 in Romania si terrà un referendum per vietare costituzionalmente il matrimonio egualitario. A promuoverlo Coalitia Pentru Familie, “Coalizione per la famiglia”, organizzazione che ha raccolto tre milioni di firme per sbarrare le porte ad eventuali futuri interventi legislativi a favore delle coppie dello stesso sesso.

Attualmente il comma 1 dell’articolo 48 della carta costituzionale recita “La famiglia è fondata sul matrimonio libero e consensuale tra gli sposi”. Frase troppo vaga per i promotori che intendono modificarla usando la formula “tra uomo e donna”. Se al giorno d’oggi non esistono né il matrimonio né le unioni civili tra persone dello stesso sesso, l’approvazione del referendum coronerebbe lo status quo rendendo sostanzialmente impossibile per un futuro governo aprire ai diritti per le coppie same sex.

Una campagna referendaria (quasi) senza oppositori

Approvato dalla Camera nel maggio 2017 e pochi giorni fa dal Senato romeno, sempre con una larghissima maggioranza, il referendum ha potuto contare fino ad oggi di un appoggio politico pressoché indisturbato. Fra le forze politiche romene solo il presidente Klaus Iohannis e l’Unione Salva Romania (USR), partito d’opposizione si sono schieratati contro la modifica costituzionale. Fuori dal Parlamento, il referendum vanta il benestare della Chiesa ortodossa, di quella cattolica e di quella copta.

Inascoltati gli appelli di Amnesty: “Rischia di incoraggiare la discriminazione”

Per Amnesty International, inserire il divieto costituzionale alle unioni dello stesso sesso incoraggia l’omofobia e “viola le norme internazionali in materia di diritto dell’uomo”. “Il referendum previsto -denuncia Barbora Cernusakova, rappresentante di Amnesty per l’Europa- rischia di introdurre restrizioni ulteriori alla vita quotidiana delle coppie omosessuali e di incoraggiare la discriminazione”. Si tratta “di un evidente passo indietro per la Romania”, sentenzia Cernusakova.
Nonostante gli appelli di Amnesty e delle associazioni Lgbt+, la Corte Costituzionale romena ha dichiarato legittimo il referendum. Perché la votazione sia valida è sufficiente la partecipazione del 30% degli aventi diritto.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020