Onda Pride

In 50 mila al Palermo Pride, l’ultimo del 2018. Il sindaco: “Non è solo giusto, è necessario”

Oltre 50 mila persone ieri hanno partecipato al Palermo Pride, l’ultimo della stagione dei pride 2018. Una parata che ha parlato di diritti, come nella natura dei pride, e di orgoglio. Diritti non solo delle persone lgbt, ma anche dei migranti, delle donne e dei lavoratori.
Madrine della parata la fotografa Letizia Battaglia e Porpora Marcasciano, fondatrice del Mit e attivista trans di lungo corso.
In testa al corteo, come da tradizione, insieme agi attivisti e le attiviste del Coordinamento Palermo Pride c’era anche il sindaco Leoluca Orlando.

“Il Pride è necessario”

“Ormai da anni il Pride di Palermo non è più il ‘Gay pride’ – ha dichiarato Orlando -. Il Pride di Palermo è la festa dei diritti di tutti e di tutte, degli omosessuali, delle donne, dei bambini, dei migranti, degli anziani, dei lavoratori. Il Pride di Palermo è il la festa di tutti coloro che vivono a Palermo o che scelgono di vivere a Palermo”.

“Una festa che quest’anno assume un significato ancora più importante nel momento in cui, così come avvenne col fascismo e con il nazismo tanti anni fa, qualcuno comincia ad attaccare i diritti di alcuni ‘per scherzo’. Ieri Mussolini cominciò ‘per scherzo’ ad attaccare gli ebrei, oggi qualcuno attacca ‘per scherzo’ i migranti. Poi arrivarono, da Mussolini e Hitler, gli attacchi contro i rom, gli omosessuali, le persone con disabilità. Oggi siamo già in un’epoca pre-fascista in Italia e in Europa. Per questo essere al Pride è non solo giusto ma anche necessario”.

Il fermo della polizia per i volantini contro il governo

Durante il corteo, a quanto riporta la stampa locale, una donna è stata fermata dalla polizia e portata in questura. Le sarebbe stata contesta la distribuzione di volantini che contestavano il governo nazionale. “E’ stato un gravissimo atto repressivo – ha dichiarato il sindacato Slai-Cobas cui la donna è iscritta -. Gli agenti della Digos hanno strattonato malamente la donna che protestava per infilarla in macchina e da qui è nato un parapiglia”.


(Foto: Pagina Facebook del Palermo Pride)

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Laurel Hubbard, la prima atleta trans alle Olimpiadi, non ce l’ha fatta

La sua presenza ha portato molte polemiche, sul vantaggio rispetto le atlete cisgender. I fatti,…

2 Agosto 2021

Raven Saunders, braccia incrociate sul podio a sostegno dei diritti Lgbt+: rischia sanzioni

L'atleta porta sul podio «le persone in tutto il mondo che stanno combattendo e non…

2 Agosto 2021

Vettel ammonito per la maglia arcobaleno: “Non mi interessa, lo rifarei”

Contro di lui è arrivata prima un'indagine e poi un'ammonizione: "Squalificatemi, lo rifarei" il commento…

2 Agosto 2021

Lucilla Boari sul podio alle Olimpiadi di Tokyo. Poi il coming out: “Sanne è la mia ragazza”

Per la prima volta l'Italia vince una medaglia in una gara di tiro con l'arco.

30 Luglio 2021

I festival a tematica Lgbt+ della Val di Noto: gli eventi di agosto 2021

Film, presentazioni di libri e dibattiti sull'attualità della questione Lgbt+. Gli appuntamenti in Sicilia.

30 Luglio 2021

La società civile del Ghana contro la legge anti-Lgbt: “Limita la libertà sessuale”

La nuova legge impedirebbe anche di fare sesso utilizzando sex toys. Le dure parole di…

30 Luglio 2021