Categorie: News

Quagliarello vuole vietare le adozioni alle coppie gay

Una proposta di legge per cancellare quella riga delle unioni civili che consente anche alle coppie arcobaleno di crescere un figlio. A depositarla il senatore Gaetano Quagliariello, leader di Idea.

Cambiare la legge Cirinnà sulle Unioni civili

Come sappiamo la legge sulle unioni civili del 2016 non ha esteso alle coppie dello stesso sesso la possibilità di adozione del figlio del coniuge (la cosiddetta stepchild adoption). I giudici hanno sempre autorizzato, dal 2014, l’adozione anche all’interno delle famiglie arcobaleno, grazie a una norma diversa da quella che prevede l’adozione del configlio, che indica come il minore possa essere adottato “quando vi sia la constatata impossibilità di affidamento preadottivo“, ovvero quando non vi siano le condizioni per affidarlo.

La chiave di volta che ha garantito diritti e doveri ai genitori arcobaleno va ricercata nelle poche righe presenti nel maxiemendamento del 2016: “resta fermo quanto previsto e consentito in materia di adozione dalle norme vigenti”. Uno stratagemma lungimirante che pur negando la stepchild alle coppie omosessuali non ha cancellato definitivamente diritti delle famiglie arcobaleno ormai acquisiti.

Un attacco su tutti i fronti

Il senatore Quagliariello adesso vorrebbe eliminare quell’inciso, colpevole, secondo il firmatario, di incoraggiare pratiche illecite e creare «bambini consapevolmente programmati per essere privati di una delle due figure genitoriali e della conoscenza delle proprie origini e della propria identità».
Quagliarello parla di “adozione mite”, “fecondazione eterologa” (ammessa e ampiamente praticata soprattutto dalle coppie etero), “gestazione per altri” (usando le sue parole: “utero in affitto”) e adozioni internazionali. Per tentare di convincere che, a difesa di un non meglio precisato interesse dell’ordinamento, la norma deve essere eliminata. Con il risultato di privare di protezione i bambini figli di coppie dello stesso sesso.

Può farlo?

La proposta in realtà somiglia più a uno slogan. Le sentenze che hanno permesso l’adozione del figlio del partner all’interno di una coppia omosessuale prescindono dalla legge sulle unioni civili. La maggior parte delle adozioni è avvenuta all’interno di coppie semplicemente conviventi. Le prime sentenze sono del 2014, due anni prima della Cirinnà, quando le unioni civili non esistevano. Per cancellare le famiglie arcobaleno, non serve modificare la legge Cirinnà. Bisognerebbe approvare una nuova legge che stabilisca che a due gay o lesbiche conviventi è espressamente vietato ciò che invece è consentito ai conviventi eterosessuali. E, in alcuni casi, anche ai single. Una norma che violerebbe la Costituzione, oltreché una serie di convenzioni internazionali che l’Italia ha firmato.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020

Coronavirus, la campagna per il sostegno alle persone Lgbt+ durante l’isolamento

La Rainbow Line in aiuto delle persone Lgbt+ chiuse in casa a causa del coronavirus.

26 marzo 2020

Effetto coronavirus: annullato l’Umbria Pride (e non sarà il solo)

Per la prima volta, sarebbe stato "Umbria Pride" e non più "Perugia Pride". Ma ieri…

26 marzo 2020